Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    I libri del lunedì. 15 ritratti tra il fantastico e il verosimile

    Israel Zangwill ci ha regalato racconti verosimili
    ed espressivi, che da 15 vividi ritratti di una parabola umana dolorosa
    diventano pezzi di letteratura. Le storie raccontate nel libro “I
    sognatori del Ghetto” raccontano di ebrei europei rinchiusi per secoli in
    luoghi angusti e sporchi, tra Venezia, Londra, Roma, Amsterdam e altre città.
    L’ebreo è ora colui che, come tutti gli altri, può essere tanto sublime quanto
    misero, non per forza trafficante di denaro e di merci e non sempre taccagno o
    intelligente. I personaggi immaginari sono fanciulli che guardano di notte le
    cupole veneziane, che escono dal perimetro del ghetto per scoprire il mondo lì
    fuori da cui talvolta rimangono abbagliati. Israel Zangwill è scrittore,
    pacifista e sionista che affronta temi complessi e moderni, coniatore
    dell’espressione “Meltin pot”, descrittore acuto e ironico morto troppo presto,
    all’età di 62 anni. É la Londra multiculturale il Meltin pot cui pensava, una
    serie di quartieri adiacenti ognuno con le proprie peculiarità e non sempre
    disposti a influenzarsi l’un l’altro. Dove si situa l’ebreo? Anche lui è
    impermeabile agli influssi esterni? Io ho sempre pensato il contrario. Se
    cammino per le strade di Trastevere e guardo gli ebrei che le abitano mi trovo
    in difficoltà perché mi è difficile dare un nome un nome a ciò che vedo. E
    allora me ne vado e rifletto: sono esempi di multiculturalismo o forse ancor di
    più di interculturalismo?

    CONDIVIDI SU: