Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    I libri del lunedì. Breve storia della questione antisemita

    “Il
    nazionalismo considera nemico tutto ciò che rischia di sconnettere la patria,
    di snaturarla o di dare un giorno o l’altro ragione allo straniero contro di
    lei. Il nazionalismo si definirebbe dunque non per ostilità alle nazioni
    esterne, quanto al nemico interno, punto in cui l’antinazionalismo,
    l’internazionalismo e il sovranazisnalismo convergerebbero”. Sono inciampata in
    queste parole nel bel mezzo del libro di Roberto Finzi “Breve storia della
    questione antisemita”. Caso ha voluto che le abbia lette il giorno successivo
    all’aggressione dei gilet gialli al filosofo Alain Finkielkraut. Perché
    considerare gli ebrei nemici interni nella Francia del 1894? L’esercito
    francese contava 300 ufficiali ebrei su 40.000 ebrei complessivi: l’un per
    mille della popolazione diventava l’un per cento nei quadri militari! Il nemico
    dunque non era lo straniero, riconoscibile perché parlava una lingua straniera
    o si vestiva in modo atipico. Il nemico era colui che ti abitava accanto
    e che di tanto in tanto ti invitava a casa propria offrendo un tè con due
    biscotti. E oggi chi è il nemico? Non più colui che ti ospita a casa ma
    chi, nell’immaginario autoreferenziale dell’antisemita, gode di relazioni
    privilegiate con il potere, o i poteri, quelli forti
    . Chi è sionista e
    dunque non abbastanza francese – come se le due cose fossero in contraddizione
    – chi è ebreo e automaticamente cittadino d’Israele. L’antisemitismo è
    sganciato dagli atti degli ebrei e persiste anche in loro assenza, e se l’ebreo
    non esistesse, l’antisemita lo inventerebbe. L’odio non ha bisogno di motivi
    per nascere, ma li crea a posteriori e questo manuale ce lo ricorda.

    CONDIVIDI SU: