Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    I libri del lunedì. La spia che cadde sulla terra

    Ashraf
    Marwan è l’agente più prezioso che Israele abbia mai avuto. Ahron Bregman,
    docente presso il Department War Studies del King’s College di Londra, ricostruire
    la storia della spia che ha fatto tremare il Medio Oriente in un libro che
    procede con un ritmo sostenuto, al limite tra la cronaca giornalistica e la
    cronaca storica. Marwan, classe ’44 e laureato in chimica, sale rapidamente i
    gradini del potere in Egitto sposando Mona, la figlia di Gamal Abdel Nasser che
    mostra fin da subito poca simpatia per quel genero “farfallone e inaffidabile”.
    Con l’ascesa di Anwar Sadat qualcosa cambia e nel 1970 Marwan chiama
    l’ambasciata israeliana a Londra per offrire i suoi servigi, “perché vuole
    stare dalla parte dei vincitori”. Le spie che i film ci propinano appaiono
    spesso fredde e calcolatrici, talvolta spietate, ma questo ritratto non
    aderisce alla descrizione che Bregman fa di Marwan, che “non è un superuomo”,
    ma stressato, umano e un po’ pressappochista. Il corpo di Marwan viene trovato
    il 27 giugno del 2007 in un giardino di rose a pochi metri da Piccadilly Circus
    e i giornali britannici, israeliani ed egiziani parlano di una morte
    misteriosa: suicidio? Omicidio? Chi è davvero Ashraf Marwan? Una spia al soldo
    dell’intelligence israeliana o egiziana? Ahron Bergman ricostruisce lo scambio
    avuto con Marwarn fino al giorno prima della sua morte quando ansioso e scosso
    gli chiede di incontrarsi il giorno successivo. Inutile dire che quell‘incontro
    non ebbe mai luogo.

    CONDIVIDI SU: