Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Kalanit Goren nuova responsabile Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo di Milano

    Kalanit Goren Perry è la nuova delegata dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo a Milano; torna in Italia dopo un precedente impegno 14 anni fa, a Roma, e un’esperienza consolidata negli ultimi cinque di lavoro al Ministero del Turismo israeliano. “L’Italia è un mercato molto importante per Israele – ha detto nel corso di una presentazione alla stampa – Il nostro lavoro non si è mai fermato durante i mesi di lockdown, e siamo pronti ad accogliere nuovamente i visitatori italiani non appena saranno nuovamente possibili gli ingressi turistici”. Dopo Usa, Russia, Francia, Germania e Uk, l’Italia insieme alla Polonia ha assicurato negli ultimi anni un flusso turistico verso Israele costante e significativo, cresciuto particolarmente nel corso del 2019, e con un forte trend in crescita previsto per il 2020 ma prima che l’emergenza Covid azzerasse per buona parte dell’anno il lavoro fatto. “Quando torneremo a ripetere quei risultati? E’ presto per dirlo, ma arriverà il ‘nuovo giorno’ e noi siamo pronti – ha proseguito Goren Perry – Stiamo lavorando accanto al trade e guardiamo con attenzione ai nuovi progetti media. Chiavi di lettura delle nostre proposte sono ‘aria aperta’, ‘avventura’ e ‘sicurezza’. Dopotutto le nostre spiagge, le nostre bellezze sono a sole quattro ore di volo dall’Italia: siamo pronti ad accogliervi”. Kalanit Goren Perry avvicenda Avital Kotzer Adari che ha guidato la sede milanese dal 2014 ai metà 2020. La sua nomina alla guida dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo a Milano avviene in una fase complessa a causa dei blocchi per la pandemia Covid, ma è nei fatti anche un segnale importante della volontà da parte degli organismi israeliani di volere consolidare, senza alcuna interruzione, l’attrattiva delle proprie destinazioni verso il turismo proveniente dall’Italia. 

    CONDIVIDI SU: