Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Premio “Stefano Gaj Tachè. L’amico dei bambini”. Cerimonia in Campidoglio

    Si è celebrata oggi, nell’Aula Giulio Cesare in Campidoglio,
    la 15° edizione del Premio “Stefano Gaj Tachè. L’amico dei bambini”, nato per
    onorare la memoria del piccolo Stefano, ucciso durante l’attentato terroristico
    al Tempio Maggiore il 9 ottobre 1982.

    L’iniziativa ha coinvolto centinaia di bambini delle scuole
    primarie di Roma, tra cui anche gli alunni della scuola ebraica Vittorio
    Polacco, che durante lo svolgimento dell’evento hanno eseguito alcuni canti.

    La forte e attiva partecipazione di tanti piccoli studenti è
    la dimostrazione, ancora una volta, che da quella grande tragedia è sorto un
    progetto positivo di grande partecipazione e soprattutto dal grande valore
    educativo volto, ad insegnare ai futuri cittadini il valore della comprensione
    e dell’accettazione degli altri, nonostante differenze e diversità.

    Proprio il tema del valore del dialogo contro ogni forma di
    vecchia e nuova intolleranza è stato al centro degli interventi sia dei piccoli
    testimoni, sia delle autorità intervenute: l’Assessore alla Persona, Scuola e
    Comunità Solidale Laura Baldassarre, il Presidente della Comunità Ebraica di
    Roma Ruth Dureghello e il Presidente dell’Associazione “Ebraismo &
    Dintorni”, Raffaele Pace. Presenti, come ogni anno Gadiel Gaj Tachè, fratello
    di Stefano, insieme ai genitori che hanno ascoltato con attenzione e
    partecipazione i bambini che hanno esposto i loro lavori svolti in classe;
    progetti e letture in cui gli studenti hanno riflettuto su temi come il
    dialogo, l’uguaglianza, il rispetto di ogni persona e la necessità di
    combattere qualsiasi forma di pregiudizio.

    A conclusione la consegna degli attestati ai partecipanti nel
    ricordo, che si vuole rinnovare ogni anno, di un piccolo bambino ebreo ucciso
    per l’odio e la cattiveria degli adulti.

    (Foto di Aldo Astrologo)

    CONDIVIDI SU: