Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    PRESIDENTE UCEI, DI SEGNI: LANNUTTI NON PUO’ ESSERE SENATORE

    “Credo che sia gravissimo, per
    come la vedo io, e lo dico non con coraggio ma con consapevolezza: un senatore
    della Repubblica italiana non può essere senatore se questo è quello che ha
    nella sua mente”. Lo ha affermato Noemi Di Segni, presidente dell’Unione
    delle comunità ebraiche Italiane, a margine di un convegno a Firenze, a
    proposito del tweet del senatore M5S Elio Lannutti con la citazione sui
    Protocolli dei Savi di Sion. “Non è una riserva mentale – ha aggiunto Di
    Segni – evidentemente è un  qualcosa che
    ha dentro di sé, lo pensa e lo condivide, e noi dobbiamo rimarcare la
    responsabilità di chi ricopre cariche istituzionali in questo Paese. Quindi il
    mio invito è, così come loro fanno una battaglia sui fake, capiscano che questa
    è la fake news più grande che  la storia
    abbia mai gestito nei confronti del popolo ebraico”.        Secondo la presidente dell’Unione delle
    comunità ebraiche italiane, l’emergere di rigurgiti antisemiti in Europa
    “non è solo un pericolo, è già realtà”. Di Segni ha espresso
    preoccupazione “sia per l’emergere 
    di raggruppamenti di estrema destra”, sia per “un
    antisemitismo più   subdolo che è quello
    del boicottaggio di Israele, esplicitando un odio  antiebraico usando Israele come punto di
    riferimento”.    (Red-Xio/AdnKronos)  

    CONDIVIDI SU: