Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Scuole ebraiche: un progetto di studi unificato

    Nella sala conferenze del Centro Bibliografico
    dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, si è tenuto l’incontro conclusivo
    della Commissione Scuola dell’UCEI, con la presentazione dei risultati del
    progetto delle quattro scuole ebraiche italiane e la conseguente analisi fatta
    dal noto esperto in pedagogia, il professor Shmuel Wygoda, della Hebrew
    University di Gerusalemme. “Per portare a termine questa fase del progetto, gli
    insegnanti insieme al professor Wygoda, hanno raggiunto quasi 4mila ore di
    lavoro”, ha spiegato l’assessore Livia Ottolenghi, sottolineando non solo
    l’importanza, ma anche la mole di lavoro del progetto portato avanti dalla
    Commissione insieme al professor Wygoda.

    L’obiettivo del progetto è stato creare un curriculum
    unico sugli studi ebraici per tutte e quattro le scuole elementari ebraiche:
    Roma, Milano, Torino e Trieste. L’idea nata nel lontano 2013, da un’idea
    proposta da Rav Roberto Della Rocca al professore, e ora grazie al duro lavoro
    dei docenti, è stato portato a termine, facendo sì che l’Italia sia “la prima
    ad aver fatto sì che vi sia un unico curriculum per le scuole elementari
    ebraiche”, ha affermato Wygoda. Questo progetto è un modello che può essere
    esportato anche all’estero e che ha come obiettivo “lasciare agli studenti l’amore per la Torah”. In questa
    fase il progetto è stato lanciato nelle scuole elementari, ma si spera di
    esportarlo anche nelle scuole medie e nei licei ebraici. Tra gli effetti
    positivi che si creeranno, ricorda Rav Della Rocca, sarà “la creazione di un
    network didattico, fino ad ora inesistente tra le diverse scuole”.

    La creazione delle unità didattiche che fanno parte
    del curriculum, è stata fatta attraverso il lavoro di tredici docenti delle
    diverse scuole, producendo in totale 222 unità, solamente per Bereshit, il
    primo libro della Torah. “Partendo da una base, ciascuna scuola ha prodotto le
    proprie unità didattiche”, spiega Odelia Liberanome “basandosi sulle
    caratteristiche uniche di ogni scuola, di conseguenza si potranno trovare
    differenze nella metodo di insegnamento tra le varie scuole elementari e nel
    numero di unità didattiche utilizzate per studiare il libro di Bereshit”.

    CONDIVIDI SU: