Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    TRE GIORNI IN UN RIFUGIO PER RICORDARE CENTENARIO NASCITA PRIMO LEVI

    (AdnKronos) – Il prossimo 31 luglio ricorre il centesimo anniversario della nascita dello scrittore Primo Levi, sopravvissuto a Auschwitz, autore di alcune delle più importanti testimonianze su cosa siano stati i lager nazisti. A ridosso di quella data, da venerdì 26 a domenica 28 luglio, al Rifugio Gualdo di Monte Morello (Sesto Fiorentino) si terrà una tre giorni di spettacoli teatrali, letture e musica dedicati al grande scrittore torinese, intitolata “Questo è un uomo. Il peggio che ci possa capitare è di assaggiare la carne dell’orso”.  È un’iniziativa dell’associazione, casa editrice e rivista culturale Tessere, con il contributo della Regione Toscana, con il patrocinio della Comunità ebraica di Firenze e del Comune di Sesto Fiorentino, e d’intesa con il Gruppo Gualdo e l’associazione corale Sesto in Canto. Sul palcoscenico saliranno gli attori Gianluca Guidotti e Enrica Sangiovanni del gruppo teatrale Archivio Zeta, Francesca Mazza, Alessandro Congeddu, Pippo Mazza e Lorenzo Degl’Innocenti. Quest’ultimo, oltre a ripercorrere il racconto “Ferro” pubblicato ne “Il sistema periodico” – da cui è tratta la frase che dà il titolo all’iniziativa – leggerà, alla presenza dell’autore, un’inedita lettera dello scrittore Marco Vichi alla famiglia Levi. Il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei terrà un’insolita e gradevolissima lezione sulle relazioni tra letteratura e chimica.

    Fra uno spettacolo e l’altro si esibiranno alcuni giovani talentuosi musicisti: Lorenzo Mascilli Migliorini al pianoforte, Stefano Aiolli al violoncello, Emanuele Braca al contrabbasso, Sebastian Scimé all’oboe e Leopoldo Giachetti alla chitarra. Chiuderà l’iniziativa il Coro della Comunità ebraica di Firenze che eseguirà un repertorio di musiche tradizionali. (Red-Xio/AdnKronos) 


    CONDIVIDI SU: