Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Un’occasione perduta

    Quello che è accaduto nella giornata odierna al Consiglio dell’UCEI è quanto di più triste e grave potesse accadere, per le modalità in cui si sono svolti interventi e rapide votazioni tanto del Presidente, quanto della nuova Giunta. 

    Con modalità molto più simili a quelle di un parlamento dell’Europa dell’est piuttosto che di un consesso ebraico, le candidature alla presidenza non si sono espresse attraverso elaborazione di pensieri e progettualità ma adottando un sistema di voto pregiudiziale nei confronti delle liste maggioritarie delle comunità di Roma e Milano. 

    Prova conseguente ne è stata la formazione di un governo UCEI e di una Giunta che di fatto escludono il 58% dell’ebraismo romano ed il 75% globalmente dell’ebraismo italiano.

    Il secondo mandato della Presidente Noemi Di Segni nasce in tal senso sotto i peggiori auspici, in una sorta di autoreferenzialità e grazie al soccorso interessato della lista Menorah che a Roma aveva preso meno voti ed uscita sconfitta alle elezioni. 

    Il sistema e lo statuto permettono alla Presidente di governare ma è una “vittoria” senza gloria e senza concessione dell’onore delle armi a chi invece le elezioni le aveva vinte, calpestando letteralmente il voto degli elettori di Roma e Milano. 

    Di sicuro si è persa l’occasione per rendere il nuovo governo dell’ebraismo italiano più inclusivo e più rappresentativo delle varie anime e componenti dello stesso, ed è un peccato. Scelleratezze dell’Unione.

    CONDIVIDI SU: