Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    100 ANNI FINE GRANDE GUERRA: PRESIDENTE AUSTRIACO, RICORDARE DOVE CI PORTO’ NAZIONALISMO

    “E’ particolarmente importante ricordare dove il nazionalismo degli anni Trenta ci ha portato”. E’ il monito lanciato dal presidente austriaco Alexander Van der Bellen, parlando con i giornalisti a Parigi in occasione del centenario della firma dell’armistizio che concluse la Prima guerra mondiale. Armistizio che mise fine a morte e combattimenti, ha ricordato, “ma i successivi 20 anni fino alla Seconda guerra mondiale sono stati segnati da ogni genere di discordia, conseguenza anche di negoziati di pace mal condotti”. Secondo Van der Bellen, i leader europei hanno compreso la nazione dei disastri provocati dal nazionalismo dopo la fine della Seconda guerra mondiale, quando hanno deciso di dare vita all’Europa unita. (Pap/AdnKronos)

    CONDIVIDI SU: