Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Addio a Rav David Weiss Halivni, sopravvissuto ad Auschwitz e studioso del Talmud

    È scomparso a Gerusalemme, all’età di 94 anni, Rav David Weiss Halivni, noto come uno dei massimi studiosi di Talmud e di fonti rabbiniche. 

    Nato nel 1927 a Kobyletska Poliana nell’odierna Ucraina, Weiss Halivni crebbe a Sighet, in Romania, con il nonno, che alimentò in lui la passione per lo studio dei testi rabbinici. Frequentò la scuola talmudica insieme ad Elie Wiesel, con il quale instaurò una forte amicizia. 

    A soli 15 anni, grazie alle sue eccezionali doti intellettuali, divenne rabbino. A 16 anni, come Wiesel, fu catturato e deportato dai nazisti nel campo di sterminio di Auschwitz e poi trasferito nei campi di Wolfsberg e di Mauthausen.

    Nel 1947, unico sopravvissuto della sua famiglia alla Shoah, emigrò a New York, dove riprese gli studi al Jewish Teological Seminary. Quando Rav Saul Lieberman, che guidava la scuola, morì, Weiss Halivni ne prese l’incarico fino al 1983, anno in cui si trasferì alla Columbia University. Condusse, per lungo tempo, anche la Kehilat Orach Eliezer a Manhattan.  Nel 2005 partì per Israele, dove continuò ad insegnare all’Università Ebraica e all’Università di Bar-Ilan fino all’età di 90 anni. 

    Nel corso della sua carriera, Weiss Halivni ha ricoperto importanti cariche istituzionali: Presidente dell’American Academy for Jewish Research e Rettore dell’Institute of Traditional Judaism. Nel 2008 fu insignito del prestigioso Pras Israel (Premio d’Israele) per il suo contributo allo studio talmudico. 

    Basati su un approccio critico al metodo storico-filologico moderno, i suoi studi sono raccolti nel commentario in dieci volumi dal titolo ‘Meqorot u-mesorot’ (Fonti e tradizioni). Tra i saggi di ermeneutica rabbinica: ‘Midrash, Mishnah and Gemarà’, ‘Peshat and Derash’. Sulla teologia ebraica: ‘Rivelation Restaured’ (‘Restaurare la Rivelazione’, tradotto in italiano per Giuntina) e ‘Breacking the Tablets. Jewish Theology after the Shoah’ (tradotto in italiano con il titolo ‘L’alleanza scossa ma non rimossa’ per Effatà). 

    Weiss Halivni lascia tre figli. Baruch e Shai, entrambi avvocati, risiedono negli Stati Uniti. Il terzo, il rabbino Ephraim Halivni, vive in Israele e lavora presso l’Accademia di lingua ebraica. 

    Rav David Weiss Halivni sarà sepolto sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme.

    CONDIVIDI SU: