Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Addio a Rosa Hanan Mallel

    «Era l’unica persona di Rodi che avevo qui a Roma che potevo
    frequentare come una sorella
    ».

    Così Sami Modiano ricorda Rosa Hanan
    Mallel, ebrea della comunità di Rodi, sopravvissuta al campo di
    sterminio di Auschwitz Birkenau, scomparsa stanotte.

    Nata a Rodi nel 1920, figlia di Mosè
    Hanan e Miriam Leon, Rosa cresce insieme ai suoi genitori e ad altri sette
    fratelli nella Juderia, il quartiere ebraico di Rodi dove è cresciuto anche
    Sami Modiano.

    Rosa Hanan viene deportata insieme
    alla madre e al fratello Herzl il 23 luglio 1944, insieme al resto della
    comunità ebraica di Rodi.

    Dopo un mese di viaggio arrivano ad
    Auschwitz Birkenau, dove Rosa viene immatricolata con il numero A-24360.
    All’interno del campo Rosa è costretta a svolgere lavori molto pesanti e vede
    morire gran parte delle sue compagne. Ma nonostante la sofferenza e il duro
    lavoro, non si è mai persa d’animo e ha mantenuto salda la sua fede.

    Alla fine del 1944 viene trasferita a
    Dachau e successivamente a Kaufering, Landsberg e Türkheim.

    Nel giugno 1945, Rosa fugge insieme
    ad altre tre donne di Rodi; si nascondono in una fattoria fino alla liberazione
    e subito dopo l’arrivo degli Alleati le quattro donne fanno ritorno a Türkheim,
    dove rimangono fino al maggio di quello stesso anno.

    Un mese dopo vengono trasferite
    nell’ex campo di Offenburg, dove vengono sistemate in un alloggio poco distante
    dal campo su ordine del Capo delle forze armate, ebreo anche lui. Ma lo scoppio
    di una bomba all’interno del Comando uccide il Capitano e ferisce gravemente
    Rosa, che rimane ricoverata in ospedale per più di un mese.

    Dopo la liberazione, Rosa non torna a
    Rodi, ma si trasferisce a Milano, dove incontra Giuseppe Mallel, anche lui
    originario di Rodi, sopravvissuto ai campi di sterminio, dove avevano perso la
    vita sua moglie e suo figlio.

    I due tornano a Rodi e si sposano nel
    1947 e pochi mesi dopo Rosa da alla luce il suo primogenito Nissim.

    Dopo un breve soggiorno a Roma, nel
    1951 la famiglia si trasferisce nel Congo belga, dove Rosa partorisce il suo
    secondo figlio che chiama Herzl, come suo fratello, ucciso a Mauthausen.

    Rosa e la sua famiglia si spostano
    Rhodesia e poi in Sudafrica, prima di stabilirsi definitivamente a Roma, dove è
    rimasta pur continuando a trasmettere ai suoi figli e ai nipoti le tradizioni
    della Comunità di Rodi.

    «Rosa aveva cinque anni più di me: era una delle donne di Rodi,
    di quelle vere; faceva parte di questa grande famiglia – la ricorda Sami
    Modiano, che ha condiviso con lei l’infanzia e tanti bei momenti a Roma – si
    faceva voler bene. Ci incontravamo spesso: io andavo a pranzo a casa sua e lei
    veniva da me, abbiamo festeggiato insieme i matrimoni dei suoi figli. Facevo
    parte della sua felicità
    ».

    «Siamo tornati spesso a Rodi insieme – racconta ancora Sami –
    ero presente quando ha portato i suoi figli a visitare la Sinagoga di Rodi. Lo
    stesso matroneo è stato commissionato da Nissim Mallel. Quindi era una persona
    molto importante e benvoluta. La ricordo con enorme affetto: ho visto crescere
    i suoi figli, portavo spesso Nissim ed Herzl al mare con me, come fossero miei
    figli. C’era un forte legame. La sua scomparsa per me è un grande dolore
    ».

    Con Rosa Hanan Mallel scompare
    un’altra importante testimone della Shoah: la sua storia e la sua testimonianza
    rimangono impresse nelle menti delle persone che l’hanno conosciuta.

    Che il suo
    ricordo sia benedizione.

    CONDIVIDI SU: