Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Addio a Rossella Tedeschi Fubini figlia della Shoah, donna di straordinaria umanità

    È mancata a Gerusalemme Rossella
    Tedeschi Fubini. Tutta la comunità di Torino e i tanti amici italiani che
    vivono in Israele si sono uniti in queste ore in un commosso abbraccio al
    marito musicologo Enrico Fubini, ai figli e alla famiglia di cui era una sensibilissima
    e amata matriarca. Rossella ha insegnato per molti anni alla scuola ebraica
    torinese, i suoi genitori furono entrambi deportati ad Auschwitz, la madre,
    Giuliana Fiorentino Tedeschi, era miracolosamente scampata alle camere a gas,
    al suo ritorno ritrovò le figlie Rossella e Erica, nascoste da una domestica e
    scampate alla Shoah. Solo dopo la scomparsa della madre Rossella si assume il
    compito di ridare voce al padre e alla nonna inghiottiti dalla furia nazista
    perché: “Mio padre aveva 32 anni quando è stato deportato, e io non ne ho
    alcuna memoria. Anche dopo, come succede spesso ai figli dei sopravvissuti, non
    ho mai voluto chiedere nulla per paura di risvegliare il dolore”. Rossella
    aveva assunto su di sé l’onere e il desiderio di trasmettere “quella vita
    normale che invece loro non hanno potuto avere” Nel 1999 ha pubblicato presso
    la Giuntina la sua prima raccolta liriche, ‘Davar. Voci e silenzi’. La parola
    per uscire dal deserto della solitudine, come unico tentativo di colmare quel
    vuoto della perdita che nulla ormai potrà più colmare, un fragile ponte sul
    “monocromo lago dell’assenza”. La parola dà voce a sentimenti ancora freschi
    nelle liriche giovanili di Rossella Tedeschi Fubini della prima parte,
    nonostante la frequente presenza della morte; scava poi nella tradizione
    ebraica midrashica in cerca di risposte in quelle della maturità e dà vita a
    un’immagine di Gerusalemme che non ha nulla di idillico, ma che esprime un
    amore tormentato e difficile («il peso dell’odio e del desiderio in ogni
    pietra»). Alle voci diverse (le «buffe parole» dei bimbi che scaldano il cuore
    o l’orgoglioso levarsi della confusione babelica) fanno riscontro i silenzi di
    una comunicazione impossibile.

     

    CONDIVIDI SU: