Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Addio ad Adolfo Kaminsky, “il falsario di Parigi” che salvò migliaia di bambini ebrei

    Era noto come “il falsario di Parigi” Adolfo Kaminsky, il fotografo francese che con i suoi documenti falsi ha salvato migliaia di bambini ebrei durante la Shoah. Kaminky, che è stato un eroe della Resistenza, si è spento a Parigi all’età di 97 anni.


    La sua storia è nota a molti, grazie anche al libro della figlia Sarah titolato “Adolfo Kaminsky. Una vita da falsario” (Angelo Colla Editore). Nato nel ’25 a Buenos Aires in una famiglia di ebrei provenienti dalla Russia, Kaminsky si trasferì assieme ai genitori a Parigi nel 1932. Successivamente a Vire aiutò suo zio in una tipografia e venne arrestato con la famiglia dai nazisti nell’ottobre del 1943. Passando per il carcere di Caen, Kaminsky fu portato al campo di internamento di Drancy, vicino a Parigi, da cui partivano i treni per Auschwitz. Rilasciato nel gennaio 1944, grazie all’intervento del consolato argentino, iniziò a collaborare con la Resistenza francese. Così divenne, operando clandestinamente e con lo pseudonimo di Julien Keller, l’esperto falsario di documenti della Resistenza a Parigi. Fu proprio durante la guerra che venne soprannominato “il falsario di Parigi” e grazie a tutti i documenti da lui falsificati, tra certificati di battesimo, di matrimonio e tessere alimentari, alcune migliaia di ebrei si salvarono dalla Shoah.


    Dopo la guerra Kaminsky ha continuato a falsificare documenti anche per aiutare l’emigrazione clandestina dei sopravvissuti ai campi di sterminio, e a contribuire a giuste cause rischiando la sua stessa vita. 

    CONDIVIDI SU: