Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    AJC ABU DHABI: la prima sede in un paese arabo

    L’American Jewish Commette ha aperto una sede negli Emirati Arabi Uniti, la 13ma all’estero e la prima in uno stato arabo e ha nominato direttore Marc Sievers, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Oman – come riporta il Times of Israel.

    “AJC Abu Dhabi è davvero un evento storico”, ha dichiarato il CEO di AJC David Harris. “Questo consentirà all’AJC di creare una rete più ampia di parti interessate nelle nuove relazioni, rese possibili dagli accordi di Abramo”.  

    L’organizzazione ebraica, da sempre impegnata nella difesa degli ebrei in tutto il mondo e nell’ advocacy per Israele, ha riferito la notizia durante l’AJC virtual Global Forum. 

    “Sono profondamente onorato di essere il primo direttore dell’AJC Abu Dhabi. Questo è un momento molto emozionante, un’opportunità unica”, ha affermato Sievers. “È meraviglioso avere una sede ad Abu Dhabi non molto tempo dopo gli accordi di Abramo e la normalizzazione delle relazioni tra Israele ed Emirati Arabi Uniti e tra Israele e il Regno del Bahrain “.

    Il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ha accolto con favore l’apertura della sede ad Abu Dhabi ed ha ribadito l’importanza della presenza dell’AJC nel paese arabo: “Fa parte del nostro viaggio e fa parte del cambiamento di mentalità. Quindi continuiamo a lavorare a stretto contatto e a capirci meglio, cercando di guardare avanti piuttosto che guardare indietro”. 

    L’AJC ha anche annunciato di aver aperto degli account sui social media in lingua persiana, su Twitter, Instagram e YouTube per “raggiungere gli iraniani sia in Iran che nelle comunità della diaspora in tutto il mondo”. Già dall’inizio del 2020, l’AJC aveva aperto altri account in lingua araba su Facebook, Twitter e YouTube e da allora i suoi contenuti hanno raggiunto più di 90 milioni di persone.

    CONDIVIDI SU: