Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Al Global Forum preoccupazione per una "nuova forma di antisemitismo”

    Preoccupano sempre di più gli atti di antisemitismo dilagante che stanno spaventando l’Europa e l’America. Ebrei picchiati da delinquenti filo-palestinesi in pieno giorno nel centro di Manhattan. Ebrei aggrediti da una folla in un ristorante di sushi a Los Angeles subito dopo. Finestre della sinagoga distrutte in Arizona, Illinois e città di tutta Europa. Convogli di auto che attraversano le strade di Londra con un altoparlante che minacciano lo stupro di ragazze ebree.

     

    I partecipanti al Global Forum sull’antisemitismo, che si è svolto la settimana scorsa sotto gli auspici del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero della Diaspora, hanno espresso grave preoccupazione per il drammatico picco di attacchi contro ebrei e istituzioni ebraiche in tutto il mondo negli ultimi mesi e la loro convinzione che stia emergendo una nuova forma di antisemitismo con una potenza senza precedenti. Lo riporta il Jerusalem Post.

     

    I relatori durante la conferenza, avvertono che il nuovo antisemitismo sembra travestirsi da antisionismo, mentre gli incidenti antisemiti aumentano esponenzialmente. “Questa conferenza è puntuale e opportuna, perché la sfida sta diventando molto più difficile e più grande”, ha detto il Presidente Isaac Herzog, nella sua prima apparizione pubblica a un evento internazionale da quando ha assunto l’incarico il 7 luglio, in un discorso, inaugurando la conferenza.

     

    “All’improvviso il terreno è esploso in un modo molto inquietante in tutto il mondo e abbiamo visto cose che non vedevamo da molti decenni: violenza fisica diretta contro gli ebrei a Londra, in altri luoghi in Europa e negli Stati Uniti “, ha detto Herzog. Le cifre presentate dai delegati alla conferenza

     

    dipingono un quadro estremamente preoccupante. Il numero di incidenti antisemiti è aumentato del 75% negli Stati Uniti e del 591% nel Regno Unito durante l’ultimo conflitto, secondo quanto riportato dall’Anti-Defamation League  

     

    L’idea che l’antisionismo e l’antisemitismo siano intimamente intrecciati è rimasta incontrastata durante tutta la conferenza. Ma questa nozione non è nuova negli scenari politici ed è stata oggetto di accesi dibattiti negli ambienti accademici e dei media negli Stati Uniti e in Europa per oltre un decennio.

     

    “Quello che abbiamo vissuto durante e dopo l’operazione Guardian of the Walls (Guardiano delle mura) è un cambiamento di paradigma”, ha detto in un discorso mercoledì William C. Daroff, CEO della Conferenza dei presidenti delle principali organizzazioni ebraiche americane.

    “La combinazione di movimenti ed eventi hanno nutrito, incoraggiato e legittimato l’antisionismo e fornito una licenza per discriminare e prendere di mira gli ebrei per la loro possibile associazione con lo stato ebraico. È stato chiaramente dimostrato negli ultimi mesi che la linea tra l’antisionismo -Il sionismo e l’antisemitismo hanno quasi cessato di esistere”, ha anche affermato.

    Daroff ha inoltre sottolineato il ruolo chiave dei nuovi media nell’attuale picco di incidenti antisemiti. “Il messaggio antisemita che vediamo sui social media non è nuovo. La novità è che le piattaforme possono ora diffondersi a macchia d’olio e diventare parte della coscienza pubblica in tutto il mondo. Dobbiamo adattarci. Proprio come gli antisemiti stanno impiegando nuovi strumenti e tecniche, dobbiamo modernizzare il modo in cui affrontiamo il problema”, ha affermato.

    I partecipanti alla conferenza hanno sostenuto che un nuovo attore, vale a dire la sinistra radicale, sia in Europa che negli Stati Uniti, sta alimentando le fiamme del sentimento anti-israeliano, contribuendo inevitabilmente alla violenza anti-ebraica, insieme all’esclusione politica e sociale.

    Alti funzionari del governo israeliano sembrano adottare una strategia radicalmente nuova per affrontare il problema, sostenuta da oltre un decennio dagli Stati membri dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), che suggerisce che l’antisemitismo dovrebbe essere affrontato in forum generali dedicato al razzismo e alla discriminazione, e non come una questione a sé stante.

     

    “Siamo arrivati a una realtà e a tempi in cui i crimini di odio e i discorsi di odio contro i neri sono inaccettabili, ma sfortunatamente i crimini di odio e i discorsi di odio contro gli ebrei lo sono”, ha detto Lior Haiat, portavoce del ministero degli Esteri, al “The Media Line” prima della conferenza.

     

    “Dobbiamo unire la lotta contro il razzismo, che sia l’antisemitismo, il razzismo contro i neri e gli asiatici, la xenofobia, l’islamofobia, perché ogni volta che viene introdotta una legge contro il razzismo, l’antisemitismo dovrebbe farne parte. Non è possibile dividere la lotta. È lo stesso nemico e lo stesso fenomeno che dobbiamo combattere a livello globale”, ha detto Haiat.

     

    Il ministro degli Esteri e primo ministro supplente Yair Lapid, il cui padre e la nonna sono stati salvati dai nazisti a Budapest da Raoul Wallenberg, ha fatto eco a questo approccio nel suo discorso di mercoledì.

     

    “Gli antisemiti non erano solo nel ghetto di Budapest. Gli antisemiti erano anche mercanti di schiavi che gettavano in mare persone legate insieme con catene. … Gli antisemiti sono fanatici musulmani che hanno assassinato milioni di altri musulmani negli ultimi decenni. Gli antisemiti sono Isis e Boko Haram, gli antisemiti sono persone che picchiano a morte le persone LGBT”, ha detto. Sconfiggere l’antisemitismo richiede alleati, ha affermato Lapid.

     

    “Dobbiamo arruolare tutti coloro che credono che sia sbagliato perseguitare le persone solo a causa della loro religione, sessualità, genere, nazionalità o colore della loro pelle. … La lotta non è tra antisemiti ed ebrei. La lotta è tra gli antisemiti e chiunque creda nei valori di uguaglianza, giustizia e libertà”, ha affermato. L’educazione delle masse e la cooperazione globale sono due strategie principali per la lotta all’antisemitismo che sono state sottolineate alla conferenza.

     

    La prima fase è che il maggior numero possibile di governi e organizzazioni adottino la definizione operativa di antisemitismo dell’Alleanza internazionale per la memoria dell’Olocausto (IHRA).

    C’è consenso tra i presenti – come c’è all’interno della comunità ebraica – che è vitale usare la definizione IHRA come strumento per educare e aiutare a determinare atti di discriminazione”, ha detto Daroff a The Media Line. “Noi della Conferenza dei presidenti lavoriamo con le nostre organizzazioni membri per sviluppare piani d’azione e trovare aree di coordinamento, inclusa l’educazione sull’importanza e sui potenziali usi della definizione di lavoro dell’IHRA come strumento importante per identificare e combattere l’odio. Come discusso in questa conferenza, l’antisemitismo non è solo una minaccia per gli ebrei, ma per la salute delle nostre democrazie”, ha affermato.

    CONDIVIDI SU: