Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Antitrust Ue: multa record a Google da 4,34 miliardi

    La
    Commissione europea ha annunciato oggi una maxi multa record da 4,34 miliardi
    di euro per abuso di posizione dominante a Google. L’accusa riguarda Android,
    il sistema operativo di Google per smartphone. Ad annunciare la multa il
    commissario alla concorrenza Ue Margrethe Vestager. La nuova multa raddoppia il
    livello massimo mai raggiunto da una sanzione comminata a un’impresa
    dall’Antitrust comunitario; un record negativo che era toccato alla stessa
    Google con una multa da 2,42 miliardi di euro, nel giugno del 2017, per abuso
    di posizione dominante nel settore delle ricerche online, tramite il meccanismo
    di paragone dei prezzi “Google Shopping”. “La multa di 4,34
    miliardi di euro riflette la gravita’ e la natura continua della violazione da parte
    di Google della legislazione europea”, ha detto la  ommissaria alla Concorrenza, Margrethe
    Vestager. Google deve “porre fine alla sua condotta illegale entro 90
    giorni in modo effettivo”, ha avvertito Vestager: se non lo fara’
    “sara’ soggetto a una penalita’ fino al 5% del  giro d’affari globali giornaliero di
    Alphabet”, la casa madre di Google. “Monitoreremo molto da vicino”
    l’applicazione della decisione su Android, ha detto Vestager, sottolineando che
    le altre inchieste su Google rimangono di “massima priorita’” per
    l’Antitrust Ue.

    Ferma la
    risposta di Google: “Android ha creato piu’ scelta per tutti, non meno: un
    ecosistema fiorente, innovazione rapida e prezzi piu’ bassi sono le
    caratteristiche classiche di una forte concorrenza. Faremo appello contro la
    decisione della Commissione”. 

    CONDIVIDI SU: