Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Conferito al Professor Joseph Weiler il premio Ratzinger

    Il Professor Joseph Halevi Horowitz Weiler, giurista,
    avvocato ed esperto di diritto internazionale e tutela delle
    libertà religiose è stato premiato oggi dalla fondazione Ratzinger alla
    presenza di papa Francesco. Tra le personalità presenti all’evento anche la
    Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello. “Oltre al
    significato che riveste nel nome della cultura, della scienza e dell’arte,
    questo incontro vuole avere un suo significato profondo nel nome della
    fraternità e della sincera e profonda amicizia tra ebrei e cristiani” ha detto
    Federico Lombardi, presidente della Fondazione vaticana Joseph
    Ratzinger-Benedetto XVI.  

    Weiler rappresenta la prima personalità di religione
    ebraica a cui viene attribuito il Premio Ratzinger, un premio di cui fino ad
    oggi erano stati insigniti studiosi appartenenti al cristianesimo.

    “Sono veramente felice di questo riconoscimento,
    anche perché ribadisce uno degli obiettivi prefissati, quale quello della
    condivisione e della promozione della riconciliazione fra cristiani ed ebrei”
    ha sottolineato Papa Francesco.

    Begoglio ha poi ricordato le occasioni in cui Papa
    Benedetto ha operato nel nome della “riconciliazione fra cristiani ed
    ebrei”. “Sulla stessa linea ho proseguito a mia volta, con passi
    ulteriori – ha spiegato il pontefice – nello spirito di dialogo e di amicizia
    con gli ebrei che mi ha sempre animato durante il ministero in Argentina.
    Questi Premi, dunque, oltre a rappresentare un meritato riconoscimento, offrono
    l’indicazione di linee di impegno, di studio e di vita di grande significato,
    che suscitano la nostra ammirazione e chiedono di venire proposte
    all’attenzione di tutti.  Weiler non solo ha condotto su questi temi studi
    approfonditi, ma ha anche preso posizioni coraggiose, passando, quando
    necessario, dal piano accademico a quello della discussione – e noi potremmo
    dire del “discernimento” – per la ricerca del consenso su valori
    fondamentali e il superamento dei conflitti per il bene comune. Che in ciò
    credenti ebrei e cristiani possano trovarsi uniti è un segno di grande speranza”
     ha concluso il
    Papa.

    Due gli studiosi premiati durante la cerimonia, che si
    uniscono al folto gruppo di studiosi insigniti precedentemente al premio, che
    sono circa 26 personalità di 16 Paesi dei 5 continenti, cultori di materie
    diverse: dagli studi biblici a quelli della teologia storica e dogmatica, dalla
    filosofia e alle scienze sociali, fino ad arti come la musica e l’architettura.

    “Quest’anno, mentre la presenza fra noi del p. Michel
    Fédou conferma la nostra vocazione originaria alla promozione degli studi
    teologici, la presenza del prof. Joseph Weiler testimonia la volontà di
    allargare continuamente la comunità dei premiati. In lui onoriamo per la prima
    volta un insigne studioso di religione ebraica, eminente cultore delle
    discipline giuridiche” ha affermato il presidente della Fondazione Ratzinger.
    “Siamo particolarmente lieti, in questa occasione, di avere in sala ad
    accompagnarlo diversi suoi familiari e amici e rappresentanti della comunità
    ebraica romana e italiana”.

    CONDIVIDI SU: