Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    NEWS

    David Schwimmer contro i negazionisti del 7 ottobre: ‘’Dov’è la vostra indignazione?’’

    L’attore ebreo David Schwimmer, noto per il suo ruolo nella serie “Friends”, si è esposto a favore d’Israele sin dall’inizio dell’inasprirsi del conflitto Israelo- palestinese, sostenendo lo Stato Ebraico sui social e non solo. Schwimmer ha aspramente criticato l’atteggiamento delle università statunitensi  dopo il 7 ottobre di fronte agli incidenti antisemiti nei campus. L’attore ha condiviso anche l’articolo con il rapporto del New York Times sulla violenza sessuale usata contro le vittime del massacro, condannando duramente coloro che si sono espressi negando l’abuso ai danni delle donne israeliane.

    “Ho fatto parte del consiglio di amministrazione della Rape Foundation per quasi 20 anni”, ha scritto venerdì l’attore 57enne sul suo account Instagram. “Ho incontrato le persone più incredibili e coraggiose della mia vita attraverso questo lavoro: bambini, adolescenti, uomini e donne, che sono sopravvissuti alle condizioni più orribili. Persone che non hanno permesso al loro trauma di definirli. Gente meravigliosa che ha continuato a vivere una vita incredibilmente amorevole, sana e produttiva” ha proseguito l’attore.

    Secondo Schwimmer è inaccettabili che le vittime di violenza vengano messe in discussione o peggio ancora non credute, solo perché ebree o israeliane. “Indipendentemente dall’età. Indipendentemente dalla razza. Indipendentemente dal genere. Indipendentemente dalla religione. Indipendentemente dall’orientamento sessuale. Indipendentemente dalla nazionalità. Indipendentemente dall’istruzione. Indipendentemente dallo status economico” ha scritto Schwimmer.

    “Ci sono organizzazioni e individui incredibili che considero alleati in questo lavoro. Che per anni si sono alzati in piedi e hanno combattuto per le sopravvissute allo stupro e alle aggressioni sessuali, chiedendo giustizia. Eppure, perché così tanti si rifiutano di credere – nonostante tutte le prove e le testimonianze- alle donne, ai bambini e agli uomini brutalmente aggrediti dai terroristi di Hamas il 7 ottobre?” ha aggiunto. Dov’è vostra indignazione?” ha chiesto nel post la star americana – dal 7 ottobre nelle settimane e nei mesi che ormai sono trascorsi, è diventato chiaro che l’attivismo e la difesa dei diritti non vale per tutti. Le persone continueranno a combattere contro l’inferno per TUTTE le vittime di violenza sessuale, a meno che non siano vittime ebree” continua Schwimmer.

    “Per molti di loro, negare che sia persino successo è un modo conveniente per evitare la compassione e la responsabilità personale. Forse questo articolo vi farà finalmente capire di aver sbagliato – scritto l’attore – come molti sanno, il rifiuto di credere ai sopravvissuti li ha doppiamente traumatizzati, così come le loro famiglie, gli amici e quelli di noi che ci hanno creduto. Ma ora facciamo sentire insieme la nostra voce.  Sarà bello sapere, d’ora in poi, chi sono i veri alleati”, ha concluso la star prima di condividere un link all’articolo del New York Times.

    CONDIVIDI SU: