Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Design ‘kasher’. Scandaloso per alcuni

    Negli ultimi anni diversi
    designers hanno conferito agli oggetti rituali ebraici nuove forme, ridefinendo
    il significato di abitudini secolari e colmando lo iato tra tradizione e
    modernità.

    Quando Karim Rashid creò una
    chanukkià simil ameba per il centenario del Museo ebraico di New York nel 2004,
    alcune comunità ebraiche della Grande Mela mostrarono il proprio disappunto.
    Dello stesso parere non furono i clienti, che dai colori accesi della chanukkià
    rimasero deliziati. Oggi questa chanukkia (nella foto), che sembra un
    accessorio da bagno stile Ikea, si può comprare per la modica cifra di 50
    dollari su Amazon.

    Che tu sia un fan dello stile
    di Rashid poco importa, è la questione che deriva da tale gesto che risulta
    interessante: sfida la tradizione, ponendosi come alternativa a quel mondo
    formulare e ripetitivo degli oggetti rituali. Si ricerca il minimalismo, la
    compattezza e la praticità. Di tutto ciò è esempio la mostra temporanea tenuta
    all’Israel Museum di Gerusalemme con le opere – siamo sicuri sia il termine
    giusto? – di due artisti austriaci, Katharina Mischer e Thomas Traxler, cui è
    stato demandata la realizzazione di oggetti da viaggio da utilizzare durante le
    festività ebraiche: una chuppah (baldacchino nuziale) portatile, un kit per
    preparare le matzot (pane azzimo) e oggetti per l’Havdala (cerimonia che segna
    la fine della festa). Non è incoerente né increscioso unire il vecchio al nuovo
    mondo, è umano. Ciò che può essere disdicevole è invece l’assenza di bellezza
    nel medium utilizzato, ma questa è un’altra storia.

    Marta Spizzichino

    CONDIVIDI SU: