Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Ex guardia del campo nazista muore a 102 anni. Era stato condannato e attendeva appello

    Josef Schuetz, ex guardia del campo nazista di Sachsenhausen, è morto a 102 anni. La notizia è stata diffusa dall’agenzia di stampa tedesca dpa. L’uomo aveva negato di aver lavorato a Sachsenhausen, ma era comunque stato giudicato colpevole da un tribunale tedesco per aver prestato servizio lì come membro delle SS. Era in attesa di appello.

     

    Schuetz era stato condannato a cinque anni di carcere lo scorso giugno, ma era rimasto in stato di libertà in attesa di appello.

    L’uomo aveva negato di aver lavorato come guardia delle SS nel campo di Sachsenhausen. Ma il tribunale statale di Neuruppin aveva concluso, grazie a documenti con il suo nome e dalla data e il luogo di nascita, che era stato in realtà un membro arruolato dell’ala paramilitare del partito nazista di stanza nel campo alla periferia di Berlino tra il 1942 e il 1945.

     

    Decine di migliaia di detenuti – tra cui ebrei, prigionieri politici e soldati sovietici catturati – morirono nel campo di Sachsenhausen per fame, malattie, lavori forzati e altre cause, nonché a causa di  esperimenti medici ed esecuzioni sistematiche effettuate dalle SS.

    Consegnando il verdetto della corte, il giudice presidente Udo Lechtermann aveva affermato che l’imputato avesse assistito il sistema omicida istituito dai nazisti. 

    Secondo quanto stabilito nel 2015, chiunque abbia aiutato o abbia avuto una qualche funzione all’interno di campo nazista deve essere perseguito in Germania per essere stato complice degli omicidi commessi durante la Seconda Guerra mondiale.

     

    “Hai sostenuto volentieri lo sterminio di massa con la tua attività”, disse Lechtermann all’epoca. “Hai visto persone deportate crudelmente torturate e uccise lì ogni giorno per tre anni”. Il verdetto ha reso Schuetz la persona più anziana mai condannata per complicità in crimini commessi durante la Shoah.

    Schuetz non aveva espresso alcun rimpianto durante il processo e si era dichiarato innocente, dicendo che non aveva fatto “assolutamente nulla”.

    Dopo la guerra, Schuetz fu trasferito in un campo di prigionia in Russia prima di tornare in Germania, dove lavorò  per tutta la vita come contadino e fabbro.

    CONDIVIDI SU: