Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Germania, a 100 anni ex guardia delle SS sotto processo

    Il centenne Josef Schuetz è l’imputato più anziano ad essere processato per le atrocità compiute dai nazisti.  L’ex caporale della divisione Totenkopf, Testa di morto, delle Waffen-SS è accusato di complicità nello sterminio di massa nel campo di concentramento nazista di Sachsenhausen, situato nei pressi di Berlino. 

     

    Tra il 1942 e il 1945 Schuetz avrebbe preso parte “consapevolmente e volontariamente” all’omicidio di 3.518 persone, fra cui ebrei e prigionieri di guerra sovietici, fucilati o sterminati in camere a gas con lo Zyklon B.

     

    Il processo è cominciato pochi giorni fa a Brandeburgo sulla Havel e si concluderà a gennaio. Nei prossimi mesi sono previste 22 udienze, durante le quali verranno ascoltate anche alcune testimonianze dei sopravvissuti alla Shoah, tra cui quella di Richard Fagot, deportato insieme alla madre dalla Polonia.

     

    “Non è accusato di aver sparato a qualcuno in particolare – ha spiegato la portavoce della procura di Neuruppin, Iris le Claire – ma di aver contribuito a questi atti attraverso il suo lavoro di guardia e di essere stato consapevole che tali omicidi avvenissero nei campi”. 

     

    L’avvocato difensore di Josef Schuetz, Stefan Waterkamp, ha affermato che al momento il suo cliente “resta in silenzio”.  Se condannato, Schuetz potrebbe trascorrere diversi anni in prigione, ma Waterkamp ha sottolineato che le condanne, in casi come questi, sono “per lo più simboliche” a causa dell’età avanzata degli imputati.  

     

    Negli ultimi dieci anni, in Germania alcuni membri delle SS sono stati condannati con l’accusa di complicità nello sterminio di massa, tra cui Oskar Groening, il contabile di Auschwitz e Reinhold Hanning, ex guardia nazista dello stesso campo di concentramento. Entrambi avevano novantaquattro anni e sono morti prima di essere imprigionati. Recentemente, anche l’ex guardia delle SS Bruno Dey a 93 anni è stato dichiarato colpevole e condannato a due anni di carcere dal tribunale di Amburgo. La pena però è stata sospesa a causa della sua età avanzata.

     

    CONDIVIDI SU: