Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Germania: due poliziotti fanno flessioni sul Memoriale della Shoah

    Lunedì
    scorso due ufficiali di polizia della capitale tedesca sono stati fotografati
    mentre facevano delle flessioni sul Memoriale della Shoah. “La condotta dei
    nostri colleghi non onora lo scopo per cui questo monumento è stato eretto e
    danneggia la memoria di coloro che sono stati assassinati – ha detto il capo
    della Polizia, Barbara Selwick, che ha promesso di indagare ulteriormente sull’accaduto
    – Il monumento non è un parco giochi”. A riportare la notizia, oltre ai
    media tedeschi, è il Jerusalem Post.

    Il
    Memoriale della Shoah, sito vicino al Parlamento, è stato inaugurato nel 2005. È
    composto da circa 2.700 stele di cemento, disposte secondo una struttura
    ortogonale, in modo da apparire all’esterno ordinato, ma generare all’interno una
    sensazione di disorientamento e solitudine. Accessibile al pubblico, i
    visitatori sono invitati a non avere comportamenti offensivi, come correre o
    saltare da un blocco all’altro, anche se in passato sono stati segnalati casi del
    genere.

    Il
    gesto dei due poliziotti si aggiunge alla lunga scia di eventi che sottolineano
    il preoccupante aumento dell’antisemitismo in Germania: 2.032 atti registrati
    nel 2019 – secondo i dati del governo – che segnano un incremento del 13%
    rispetto al 2018. Lo stesso governo è stato accusato di aver occultato il
    numero reale di eventi contro obiettivi ebraici al fine di evitare accuse di
    antisemitismo.

    “La
    cooperazione con la polizia di Berlino procede senza intoppi – ha detto Uwe
    Neumärker, direttore della Fondazione Memoriale per gli ebrei assassinati
    d’Europa – Sono perciò ancora più sbalordito. La Shoah e i crimini del nazismo
    dovrebbero essere al centro della formazione dei dipendenti pubblici”.

     

     

     

    CONDIVIDI SU: