Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Herzog termina la sua visita in Germania nel campo di Bergen-Belsen

    Martedì
    il presidente israeliano Isaac Herzog ha visitato il campo di sterminio di
    Bergen-Belsen in Germania, concludendo una visita di stato durata tre giorni.
    “In questo luogo terribile, ricordiamo l’imperativo che ci vincola tutti:
    l’imperativo della vita” ha affermato martedì Herzog a Bergen-Belsen dopo
    aver incontrato i sopravvissuti e alcuni liceali, a conclusione di una visita
    di tre giorni. Ad accompagnarlo, il Presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier.

    Bergen-
    Belsen rappresenta un luogo  simbolo per l’ebraismo europeo: migliaia dì
    ebrei morirono nel campo, inclusa  Anne Frank. Dopo aver incontrato
    sopravvissuti e studenti delle scuole superiori tedesche, Herzog ha tenuto
    un  discorso ricordando suo padre, il defunto presidente Chaim Herzog, che
    aiutò a liberare il campo di sterminio nell’aprile 1945 come ufficiale
    delle forze britanniche.

    “Quando
    il campo è stato liberato, un convoglio militare è entrato nel sito guidato da
    un ufficiale, che si è fermato su una cassa di legno e ha gridato in yiddish,
    davanti a centinaia di persone, centinaia di scheletri umani: ‘Yidden! Yidden!
    Es leben noch Yidden!’ Ovvero: ‘Ebrei! Ci sono ancora ebrei viventi! Ci sono
    ancora ebrei nel mondo!’ Quell’ufficiale ebreo era mio padre, Chaim Herzog,
    futuro presidente di Israele”, ha raccontato Herzog nel corso del suo
    intervento.

    “Quattro
    decenni dopo, mio ​​padre tornò qui come sesto presidente dello Stato
    ebraico.  Uno stato forte e democratico. Mio padre ha scelto di iniziare
    la sua visita qui, nello stesso luogo in cui concludo la mia visita” ha
    continuato Herzog. Il presidente ha sottolineato che il compito principale oggi
    è di preservare la memoria di coloro che sono morti e dì essere sempre dì
    sostegno ai sopravvissuti. “È un dovere ricordare e ricordare alle persone la
    Shoah e la resistenza, di generazione in generazione”, ha aggiunto Herzog.

    “Ci è
    voluto molto tempo perché i tedeschi comprendessero che anche loro erano stati
    liberati in quel momento, vale a dire dalla loro ideologia omicida e da una
    dittatura disumana” ha affermato il Presidente tedesco.

    Più di
    52.000 prigionieri, per lo più ebrei, morirono nel campo di sterminio e
    più di 19.000 prigionieri di guerra, per lo più provenienti dall’Unione
    Sovietica, morirono nell’adiacente campo di prigionia.

    Menachem
    Rosensaft, consigliere generale del World Jewish Congress e figlio di
    sopravvissuti a Bergen-Belsen, si è incontrato con Herzog e Steinmeier dopo la
    cerimonia ufficiale presso il luogo della memoria. Rosensaft nacque nel campo
    profughi adiacente al campo di sterminio poco dopo la fine della seconda
    guerra mondiale. “Entrambi i presidenti hanno sottolineato che il ricordo del
    male perpetrato a Bergen-Belsen deve essere una guida per il futuro di entrambe
    le nazioni”.


    Herzog è arrivato in Germania all’inizio di
    questa settimana per una visita di stato che ha incluso un viaggio a Monaco
    lunedì, dove ha partecipato alla cerimonia del 50° anniversario degli 11 atleti
    israeliani assassinati dai terroristi palestinesi ai Giochi Olimpici del 1972.

    CONDIVIDI SU: