Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    I libri del lunedì. Il tunnel di A. Yehoshua

    Zvi Luria è un ingegnere di strade in pensione che
    scopre di essere affetto da demenza senile. La sua memoria si sgretola piano
    piano: i nomi dei conoscenti gli sfuggono di continuo e a scuola invece di
    prendere il nipote si sbaglia e prende un altro bambino. Una volta finisce per
    comprare tre chili di pomodori in banchi diversi al mercato e in tutta fretta
    telefona la sorella per avere una buona ricetta che lo aiuti a liberarsi di
    quella verdura acquistata in eccesso. Il neurologo diagnostica una piccola
    lesione al lobo frontale che anticipa una demenza. La moglie Dina lo sostiene e
    in questo difficile momento pensa che il reinserimento nel mondo del lavoro
    possa essere per lui un bene, il che equivale a costruire di nuovo strade e
    tunnel. Luria accetta il consiglio della donna, si mette in gioco e incontra
    così il giovane Maimoni, figlio di un suo vecchio collaboratore, che lo impiega
    nella costruzione di un tunnel nel bel mezzo del deserto. Belle sono le
    immagini che Yehoshua ci regala lungo tutto il libro. Tel Aviv e la sua
    quotidianità vengono qui presentate con profonda naturalezza: gli ospedali, le
    scuole, i negozi, le case e le persone che vi abitano. A tutto ciò fa da
    contraltare il deserto con i propri animali selvaggi e una famiglia palestinese
    che si nasconde perché sprovvista dei documenti necessari. Forse non è il
    romanzo più riuscito di Yehoshua ma qualcosa di bello c’è e sta
    nell’universalità dei temi raccontati e nella capacità di delineare alcune
    complessità. In molti dei suoi libri le vicende personali dei personaggi si
    intrecciano a quelle politiche e civili del paese. Tel Aviv, Gerusalemme e il
    deserto fanno quasi sempre da sfondo e anche ora, in questo suo tredicesimo
    romanzo, questi luoghi e le loro luci fanno da padrone.

    CONDIVIDI SU: