Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Il Codex Sassoon, la copia più antica della Torah, potrebbe essere battuto all’asta 50 milioni di dollari

    La più antica copia completa della Torah come la conosciamo oggi sta per essere messa in vendita e potrebbe diventare il libro o il documento più costoso mai venduto prima d’ora. Redatto da un singolo scrivano ebreo su 400 pagine di pergamena circa 1.100 anni fa, si stima che il Codex Sassoon andrà a 30-50 milioni di dollari quando sarà venduto dalla casa d’aste Sotheby’s nel prossimo mese di maggio. 

    Prima di allora, il libro sta intraprendendo un tour mondiale che includerà tappe come Londra, Tel Aviv e altre ancora. Coloro che lo vedranno poseranno gli occhi su uno degli unici due manoscritti antichi conosciuti che comprende quasi l’intera Bibbia ebraica – insieme al Codice di Aleppo, che è incompleto dopo che centinaia di pagine sono andate perdute nel XX secolo. 

    “Ora che il Codice è stato definitivamente datato, essendo il testo più antico e completo del suo genere, rappresenta un collegamento fondamentale tra l’antica tradizione orale ebraica e la forma moderna e accettata della Torah che rimane la versione standardizzata utilizzata oggi”, ha spiegato Richard Austin, Global Head of Sotheby’s  specializzato in libri e manoscritti.

    Il Codex Sassoon prende il nome dal collezionista di libri David Solomon Sassoon, che lo acquistò nel 1929 per 350 sterline inglesi, l’equivalente di circa $ 28.000 oggi, quando riemerse dopo 600 anni. Sassoon ha aggiunto il suo ex libris alla copertina interna della rilegatura, estendendo una serie di iscrizioni secolari che descrivono in dettaglio la proprietà del libro.

    L’antico tomo è stato per molto tempo parte di  collezioni private, a differenza di altri libri simili del suo calibro che sono in genere di proprietà di importanti musei. Ciò che resta del Codice di Aleppo può essere visionato all’Israel Museum di Gerusalemme, mentre una copia successiva ma più completa è esposta in Russia. L’ultimo proprietario del libro è Jacqui Safra, parte della leggendaria famiglia di banchieri ebrei, che ha pagato per la datazione al carbonio contribuendo a strabiliare  l’età del manoscritto a circa 1.100 anni. Il libro è stato brevemente esposto al British Museum nel 1982.

    Il suo valore non sarà determinato fino a dopo l’asta del 16 maggio, ma i funzionari di Sotheby’s hanno spiegato che il suo prezzo finale potrebbe superare i 43,2 milioni di dollari, cifra che il CEO di un hedge fund ha pagato nel 2021 per una copia della prima edizione della Costituzione degli Stati Uniti venduto dalla casa d’aste. Il suo valore, dicono, va ben oltre la pagina. 

    “Il Codex Sassoon segna un punto di svolta critico nel modo in cui percepiamo la storia della parola divina nel corso di migliaia di anni”, ha condiviso Sharon Mintz, senior Judaica specialist di Sotheby’s. Si tratta di una testimonianza rappresentativa di come la Torah  ha influenzato  i pilastri della civiltà – arte, cultura, diritto, politica – per secoli.

    CONDIVIDI SU: