Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Iran: nuova violazione accordo sul nucleare

    Le riserve iraniane di acqua pesante, che possono essere utilizzate per la produzione di plutonio usato nelle armi atomiche, hanno superato il limite stabilito dall’accordo internazionale sul programma nucleare di Teheran. Lo ha detto oggi l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea). In un controllo dell’agenzia domenica, lo stock di acqua pesante dell’Iran“ammontava a 131,5 tonnellate”, un importo superiore allo stock autorizzato di 130 tonnellate. È la prima volta che l’Aiea rileva un superamento di questo valore da quando Teheran ha annunciato a maggio il suo graduale ritiro dall’accordo. La scoperta di questa nuova violazione dell’accordo del 2015 sul nucleare iraniano è arrivato dopo “il 16 novembre 2019, l’Iran ha informato l’Aiea che il suo stock di acqua pesante aveva superato le 130 tonnellate”, ha indicato oggi un documento dell’Aiea consegnato ai Paesi membri del Consiglio dei governatori di questo organo dell’Onu che si riunirà questa settimana a Vienna. Da settembre, il Paese produce uranio arricchito nel suo stabilimento di Natanz con centrifughe vietate dall’accordo. In applicazione della quarta fase del suo piano di disimpegno, il 7 novembre Teheran ha annunciato di aver rilanciato l’arricchimento dell’uranio nel suo impianto sotterraneo a Fordo. 

    CONDIVIDI SU: