Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    ISRAELE DENUNCIA RETE TERRORISTA HEZBOLLAH NEL GOLAN SIRIANO

    Gli hezbollah libanesi hanno formato una nuova rete
    terrorista nella parte siriana delle Alture del Golan con l’obiettivo di
    colpire Israele. Lo denuncia oggi l’esercito israeliano, secondo il quale la
    rete è guidata da Ali Musa Daqduq, accusato di un attacco in Iraq in cui
    morirono cinque soldati americani.       

    Con l’approssimarsi della fine della guerra in Siria,
    afferma il comunicato dell’esercito, la milizia libanese filo iraniana ha
    deciso di ricostituire la rete terrorista a ridosso del confine con Israele, che
    era stata avviata nel 2013 ma successivamente distrutta. A quanto si legge, il
    gruppo sciita non ha informato di questa decisione il presidente siriano Bashar
    Al Assad del quale è alleato.       

    Il generale Amit Fischer, comandante della divisione del
    Golan, ha promesso di sradicare il gruppo terrorista, che al momento si trova
    in una fase organizzativa e non è ancora operativo. “Agiremo con tutta la
    nostra forza per cacciare questa organizzazione terrorista dalle Alture del
    Golan e per assicurare la stabilità della regione”, ha assicurato il
    militare.

    Esponente di Hezbollah, Daqduq fu accusato di un attacco nel
    gennaio 2007 a Karbala, in Iraq, nel quale furono rapiti e uccisi cinque
    soldati americani. Catturato nel marzo di quell’anno dalle forze statunitensi,
    il libanese fu rinchiuso in un carcere iracheno, ma cinque anni dopo fu assolto
    per mancanza di prove e rimesso in libertà. (Cif/AdnKronos)  

    CONDIVIDI SU: