Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La Fondazione Besso festeggia i 100 anni

    In occasione della riapertura
    nell’anno del Centenario della sede della Fondazione Marco Besso, e la
    concomitanza con la prossima Giornata Europea della Cultura Ebraica del 14
    ottobre, si è tenuta una conferenza stampa in una delle sale nell’edificio,
    sito in Largo di Torre Argentina. Questa unione di intenti non è affatto
    casuale, ma nasce dalla volontà di Besso (presidente delle Assicurazioni
    Generali), dirigente d’azienda, letterato e grande appassionato di letteratura,
    che tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo istituì la Fondazione anche con
    l’obiettivo di coinvolgervi il mondo ebraico, essendo stato ebreo. Da qui
    l’idea di coinvolgere le Comunità ebraiche italiane: per questa ragione
    all’evento hanno preso parte il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni, la
    Presidente UCEI Noemi Di Segni e il Presidente della Comunità Ebraica di Genova
    Ariel Dello Strologo, essendo il capoluogo ligure chiamato ad ospitare la
    Giornata.

    “Per Genova è un momento
    particolare. La Giornata Europea della Cultura Ebraica era già organizzata
    prima del crollo del Ponte Morandi, ed avevamo qualche perplessità dopo il
    disastro sulla sua prosecuzione – afferma Dello Strologo – ma il sindaco Bucci
    e le altre autorità cittadine ci hanno invitato a continuare con tutte le
    iniziative previste. Vogliamo, con la Giornata della Cultura, collegare la
    Comunità ebraica a Genova in modo formale, poiché il giorno dei Funerali di
    Stato per quanto accaduto al Ponte era sabato, e così non abbiamo potuto
    partecipare.’’

    La diciannovesima edizione della
    Giornata Europea della Cultura Ebraica avrà come tema lo storytelling, e per
    questa ragione la conferenza è stata occasione di numerose letture, tratte
    dagli scritti di Besso e interpretate dalla voce di Graziano Sonnino.

    “La cultura ebraica è ricca di
    narrazioni. Ciascuno di noi attraverso le storie ricevute dai propri antenati
    ha costruito la propria personalità – dice Noemi Di Segni –  L’invito in
    questa Giornata, dedicata allo storytelling, è di condividere la capacità di
    narrare anche con gli altri, affinché quella che è una nostra peculiarità possa
    diventare qualcosa che accomuna tutti.’’

    Durante la conferenza si è poi
    cercato di ricostruire la storia e il pensiero di Marco Besso, attraverso gli
    interventi di Luca De Mata, Sira Fatucci, Riccardo Calimani, Lucio Caracciolo e
    Luca Fiorentino, che hanno analizzato il suo contributo dato non soltanto alle
    Comunità ebraiche italiane, ma all’Italia stessa in campo politico, sociale,
    artistico e letterario. Tutto questo ha come presupposto una cultura
    straordinaria, testimoniata dalla sua casa, oggi sede della Fondazione,
    riordinata durante la ristrutturazione seguendo la veste voluta dal Fondatore.
    Nella maestosa biblioteca libri d’arte, storia, opere letterarie dal grande
    valore intrinseco e materiale. Il palazzo adornato da meravigliosi dipinti,
    sculture, intagli. Appare subito evidente la passione di Besso per Dante, la
    cui immagine è raffigurata un po’ ovunque nel Palazzo. Possiamo definirlo un
    post-illuminista, un uomo che aveva una visione totale della cultura e che, per
    tutta la vita, ne ha curato la diffusione nel Belpaese.

     

    CONDIVIDI SU: