Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La pandemia da Covid-19 smaschera l’antisemitismo americano

    Con l’avvento della pandemia da Covid-19 molti gruppi estremisti americani sostengono, sempre più spesso, teorie cospirative prive di senso, accusando gli ebrei di aver creato il virus per trarre profitto dai vaccini, o di controllare in generale l’economia attraverso le varie restrizioni dovute alla pandemia.

     

    Un evento preoccupante è accaduto una domenica mattina all’inizio di dicembre a Charles Kaufman, residente ad Austin, Texas. L’uomo ha ricevuto un piccolo sacchetto di plastica contenente alcune pietre e un documento piegato sulla soglia di casa, a pochi metri dal luogo in cui generalmente gli veniva consegnato il giornale ogni mattina.

     

    Il documento era un volantino che incolpava gli ebrei di aver causato la nuova ondata di Covid-19, uno stesso volantino che altre centinaia di case in tutto il paese hanno ricevuto nell’ultimo mese. “Forse 100 persone hanno ricevuto quello stesso volantino nella strada in cui abito, ebrei e non- ha detto Kaufman alla stampa.

     

    Distribuiti da un gruppo chiamato “Goyim Defense League”, i volantini asseriscono con fermezza che “ogni singolo aspetto dell’agenda del Covid sia ebraico” e includono un elenco di leader ebrei che hanno risposto all’emergenza causata dal virus in vari campi: dall’economia alla scienza.

     

    La campagna antisemita a livello nazionale è apparsa alle porte delle comunità in molti luoghi dell’America come: California, Texas, North Carolina, Maryland e altri. Secondo l’Anti-Defamation League, il gruppo sarebbe una “rete sciolta di individui collegati tra loro da un virulento antisemitismo” e comprende cinque o sei organizzatori principali, dozzine di sostenitori e migliaia di seguaci online. Fondato nel 2020, questo gruppo gestirebbe anche una piattaforma utilizzata per trasmettere contenuti antisemiti.

     

    Dal giorno in cui ha ricevuto il volantino, Kaufman ha lavorato duramente per mettere insieme una campagna educativa “spiegando l’antisemitismo e le sue varie forme”. “Una delle cose che penso sia davvero importante, è che la prossima generazione di ebrei capisca che questo tipo di stereotipi esistono da millenni, e che purtroppo si può tornare indietro nel tempo”, ha spiegato l’uomo.

     

    Secondo Rosenberg, il vicedirettore regionale di New York e del New Jersey dell’Anti-Defamation League l’idea di questo gruppo di persone, è che gli ebrei abbiano generato il virus in modo da trarre vantaggio e profitto attraverso la commercializzazione dei vaccini. Questa dualità, ha spiegato l’uomo, è stata storicamente una questione ricorrente negli Stati Uniti. “Se sei un suprematista bianco, allora gli ebrei sono un gruppo debole di persone che non meritano di far parte di una società generale e forte- ha continuato – Invece, se sei più un individuo di sinistra, allora gli ebrei sono questo gruppo onnipotente che controlla l’universo e l’economia. In qualche modo l’antisemitismo è sempre inteso con l’idea di dover trovare un capro espiatorio” ha aggiunto Rosenberg.

     

    Eli Steinberg, un ebreo ortodosso che vive a Lakewood nel New Jersey, ha fatto eco a Rosemberg dicendo che “tutto ciò che può essere sfruttato per odiare gli ebrei sarà usato per odiare gli ebrei a prescindere”. Lakewood ospita una popolazione ebraica ortodossa in crescita, grazie alla sua Yeshiva Beth Medrash Govoha, la più grande degli Stati Uniti. Molti in questa comunità hanno riscontrato numerosi episodi di antisemitismo nel corso degli ultimi due anni.  “Le persone del luogo sono solite dire ‘Tutti, nella comunità ebraica si aiutano. Hanno case enormi e belle. Sono così privilegiati'”, ha detto Steinberg.

     

    Dall’inizio del 2020, l’ADL ha registrato 2.024 episodi di antisemitismo segnalati negli Stati Uniti. Sebbene si tratti di una diminuzione del 4% rispetto al 2019, il numero rappresenta ancora il terzo anno più alto mai registrato da quando l’organizzazione ha iniziato a monitorare gli incidenti di antisemitismo nel 1979.

     

    Nel mondo online, è stata quasi immediatamente registrata un’ondata di post antisemiti, dando origine a una nuova forma di violenza contro gli ebrei online chiamata: “Zoombombing”, in cui gli individui interrompono webinar o dirette a sfondo ebraico, con messaggi e immagini antisemiti. Nel 2020 ADL ha registrato 196 Zoombombing, alcuni accompagnati da immagini razziste e pornografiche. La maggior parte degli incidenti di Zoombombing sembrano essere stati condotti per mano di individui senza una storia di notevole antisemitismo alle spalle.

     

    Chaskel Bennett, uno dei leader della comunità ebraica ortodossa di New York, ha detto che affrontare l’antisemitismo non è “niente di nuovo” anno dopo anno, ma forse il suo impatto è più diretto e spaventoso oggi. “Nel corso della storia, gli ebrei si sono sempre sentiti descrivere come cattivi e malvagi, specialmente nei momenti di disordini e incertezze- ha detto- I social media sono un continuo, incontrollato pozzo nero di odio e antisemitismo, in cui qualsiasi disadattato razzista può propagare le proprie teorie del complotto antisemita senza essere minimamente monitorato o fermato” ha concluso Bennett.

    CONDIVIDI SU: