Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La Regione Piemonte e il Maccabi World Union hanno premiato i nuovi Ambasciatori della Verità

    Il progetto “Ogni giorno è il Giorno della Memoria”,
    promosso dalla Regione Piemonte  con il
    dipartimento educativo del Maccabi World Union e la Fondazione Casale Ebraica
    ETS, si è concluso con un grande successo di partecipazione e di progetti
    presentati e pronti per essere realizzati.

    Al Polo del 900, l’assessore regionale alle Politiche
    Giovanili Fabrizio Ricca, insieme a Rabbi Carlos A. Tapiero, Deputy CEO &
    Director of Education Maccabi World Union, a Roberto Gabei, Presidente
    Fondazione Casale Ebraica ETS, e Claudia De Benedetti, coordinatrice del
    progetto, ha consegnato gli attestati di “Ambasciatori della Memoria” ai
    giovani partecipanti a un percorso che consisteva in un cammino di
    realizzazione di progetti rivolti ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29
    anni, con obiettivo dichiarato di permettere un approccio nuovo e attivo per la
    celebrazione del Giorno della Memoria ma anche quello di aiutare ad identificare
    le forme contemporanee di antisemitismo, razzismo e antisionismo.

    Più di 2500 giovani di età compresa tra i 17 e i 18 anni, 8
    progetti presentati a una commissione incaricata di valutarli, 3 incontri
    frontali di approfondimento e discussione. Questi sono solo alcuni dei numeri
    che sanciscono il successo della prima parte del progetto “Ogni giorno è il
    Giorno della Memoria”, un percorso fortemente voluto dall’assessorato alle
    Politiche Giovanili della Regione Piemonte (che ha stanziato 145mila euro per
    il biennio 2022-2023).

    I progetti vincitori sono di Rivoli (TO), Cuneo, Mornese
    (AL).I tre progetti che sono stati selezionati per essere realizzati
    declineranno in modo diverso il tema della memoria ma con un unico denominatore
    comune: sfruttare le nuove tecnologie per fare in modo che episodi del nostro
    passato tornino ad affacciarsi nella nostra quotidianità per diventare
    occasione di riflessione e di monito su orrori e ingiustizie che hanno
    attraversato il territorio piemontese.

    Il progetto arrivato dal comune di Mornese, per esempio,
    amplierà il tema delle pietre d’inciampo presenti sul suo territorio fornendo
    contributi audio sotto forma di podcast in cui verranno raccontate le storie
    delle donne e degli uomini deportati a cui le pietre rendono omaggio.

    Quello che verrà realizzato a Cuneo seguirà la storia del
    giovane studente Ildo Vivanti e, grazie a poster e QR code disseminati per la
    città, toccherà temi centrati della vicenda umana che lo hanno riguardato: le
    leggi razziali, le espulsioni dalle scuole degli studenti ebrei ma anche la
    solidarietà, portata avanti a proprio rischio e pericolo, di docenti e studenti
    che non si piegarono alle indicazioni del regime.

    I giovani del comune di Rivoli produrranno video contenenti
    interviste e approfondimenti che verranno destinati ai social network più usati
    dai giovani (Instagram e TikTok) e lo faranno sfruttando una vasta rete di
    associazioni (UGEI – Unione Giovani Ebrei Italiani, Comitato Resistenza Colle
    del Lys, Anpi Rivoli, MAKI APS, Deina Torino Aps) pronte a offrire la loro
    consulenza.

    “Quando abbiamo deciso di lanciare questo progetto volevamo
    dare nuova linfa alle politiche contro antisemitismo e razzismo, volevamo
    trovare nuove strade, anche tenendo in considerazione il fatto che i giovani
    oggi hanno a disposizione nuovi strumenti tecnologici pervasivi, per
    raggiungere tutti gli studenti e farli avvicinare a nuovi modi per declinare e
    conservare la memoria. Sono convinto che ci siamo riusciti – afferma Fabrizio
    Ricca, assessore regionale alle Politiche Giovanili -. Siamo onorati che il
    Maccabi World Union abbia scelto proprio il Piemonte come prima regione fuori
    Israele con cui collaborare. Siamo certi che questo progetto rappresenti non un
    punto di arrivo ma un inizio”.

    “È un piacere essere qui per la conclusione di un bando in
    cui il Maccabi World Union è stato un partner strategico della Regione Piemonte
    insieme alla Fondazione Ebraica di Casale Monferrato. Faccio un ringraziamento
    speciale all’Assessore Fabrizio Ricca grande amico di Israele e del Maccabi
    Mondiale che da sempre sostiene progetti di grande impatto. Ringrazio anche la
    Dottoressa Celeste Vichi che è oggi qui con noi nella sua veste di Presidente
    dell’Unione delle Associazioni Italia Israele – afferma Rabbi Carlos A.
    Tapiero, Deputy CEO & Director of Education Maccabi World Union -. I numeri
    dei ragazzi coinvolti nell’iniziativa “Ogni giorno è il giorno della Memoria”
    sono sorprendenti, ho letto i progetti e li ritengo ricchi di spunti che
    possono essere mutuati in altre realtà non solo italiane ma europee e anche sud
    americane dove il nostro movimento mondiale è particolarmente attivo. Gli
    incontri di approfondimento e i viaggi ai luoghi della memoria sono il miglior
    metodo per permettere un approccio nuovo e attivo alle celebrazioni del giorno
    della memoria ma soprattutto aiutare a identificare e combattere ogni forma di
    antisemitismo, di razzismo e non ultimo di odio contro lo Stato d’Israele”.

     

    CONDIVIDI SU: