Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La scrittrice Lia Levi cittadina onoraria di Capaci

    Il Comune di Capaci ha conferito la cittadinanza onoraria alla scrittrice Lia Levi. Come si legge nella motivazione, l’importante riconoscimento è stato attribuito “quale segno di riconoscenza e di gratitudine per il suo costante impegno profuso per la diffusione di una cultura di pacifica convivenza civile e per il lucido ed appassionante racconto delle drammatiche vicende legate alla persecuzione degli ebrei in Italia durante il fascismo e nel corso della Seconda guerra mondiale, per il valore culturale, civile ed umano della testimonianza offerta e trasmessa attraverso i suoi scritti, divenuti patrimonio culturale collettivo”. 

    “Sono rimasta piacevolmente colpita. – ha commentato la scrittrice – Capaci è la città simbolo della reazione del bene contro male. Ricordiamo la strage di Capaci avvenuta il 23 maggio del 1992, in cui hanno perso la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie e gli agenti della scorta. Mi sentivo quasi indegna di fronte all’evento tragico che ha lacerato la coscienza e la politica del Paese. Però la motivazione dell’onorificenza mi ha tranquillizzata e resa partecipe. Mi ha fatto un enorme piacere incontrare i ragazzi delle scuole che ho trovato molto preparati e coinvolti”.

    La cittadinanza onoraria è stata riconosciuta all’unanimità dal Consiglio comunale di Capaci lo scorso 18 gennaio, che ha accolto la proposta del Sindaco Pietro Puccio di condividere la richiesta pervenuta dalla Direzione Scolastica dell’Istituto Comprensivo ‘Biagio Siciliano’, dove è avvenuto il conferimento: “La Signora Lia Levi – ricorda la Direzione della scuola  –  ha il merito di avere incontrato i nostri studenti, dando un grande contributo alla loro formazione e alla loro crescita come uomini e come cittadini del futuro, poiché hanno potuto pregiarsi della parola di una testimone oculare dei fatti storici e delle loro ripercussioni nel quotidiano di milioni di famiglie di origine ebraica”.

    Il conferimento è avvenuto nell’ambito del Tour della Memoria 2023, promosso da Demea Eventi Culturali, durante il quale la scrittrice ha incontrato i ragazzi di diverse scuole che hanno aderito al progetto didattico.

    CONDIVIDI SU: