Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Lettera di Einstein su Dio venduta all’asta per 2,89 milioni dollari

    Una lettera scritta a mano da Albert Einstein, in cui il
    fisico dubita dell’esistenza di Dio, è stata venduta oggi a New York per 2,89
    milioni di dollari in un’asta organizzata da Christies. Si tratta di una cifra
    record per una lettera del Premio Nobel per la fisica (1921) e il prezzo di
    vendita è stato significativamente superiore a quello stimato, che era tra 1
    milione e 1,5 milioni di dollari. Nel marzo 2002, una lettera inviata nel 1939
    a Franklin D. Roosevelt, allora presidente degli Stati Uniti, che lo avvertiva
    dei progetti atomici tedeschi, era stata aggiudicata per 2,1 milioni. 

    Nella lettera venduta oggi, datata 1954, scritta in tedesco e
    indirizzata al filosofo Eric Gutkind, Einstein, il più grande fisico del
    XXesimo secolo, confuta ogni credo religioso, lui ebreo che era fuggito dalla
    Germania dopo l’avvento di Hitler. “La parola Dio non è per me altro che
    l’espressione e il prodotto delle debolezze umane, e la Bibbia è una collezione
    di leggende venerabili ma ancora primitive”, scrive Einstein. “Nessuna
    interpretazione, per quanto sottile possa essere, cambierà nulla (per
    me)”, aggiunge il fisico in questa lettera di una pagina e mezza in cui
    l’autore della teoria della relatività non risparmia neppure l’ebraismo.
    “Per me, la religione ebraica è, come tutte le altre religioni,
    l’incarnazione di una superstizione primitiva”, commenta Einstein. “E
    il popolo ebraico a cui appartengo con orgoglio, con la sua mentalità di cui mi
    sento profondamente radicato, non ha una forma di dignità diversa dagli altri
    popoli”, insiste lo scienziato. “Alla luce della mia esperienza, non
    sono migliori di altri gruppi umani, anche se sono protetti dai peggiori
    eccessi dalla loro mancanza di potere. Ma non percepisco nulla di ‘eletto’ in
    loro”. 

    CONDIVIDI SU: