Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    LIBRI D’ESTATE : COCCINELLE IN VACANZA

    Non che sia
    proprio necessario gravare l’estate dei bambini con letture gravi e dolorose
    ma, a volte, proprio le vacanze concedono
     
    il tempo di dedicarsi ai libri con tranquillità e ai genitori – o ai
    nonni – quello di discuterne insieme. Se il caso è questo ci sono due albi
    illustrati dedicati agli ultimi anni delle elementari che con grazia e garbo –
    di testi e illustrazioni – raccontano storie dei Giusti della Shoah, coloro che
    nei brutti tempi della guerra e delle persecuzioni rischiarono la propria vita
    per aiutare gli ebrei.

    Lo
    chiamavano tutti Ginettaccio e tra lui e Fausto Coppi hanno fatto sognare
    l’Italia degli anni quaranta e cinquanta con le loro imprese ciclistiche. Si
    tratta infatti della biografia per giovani lettori che le edizioni EL, nella
    collana “grandissimi”, dedica a “Gino Bartali – un campione tra i Giusti”:
    dagli inizi da dilettante alle vittorie da grande campione, senza tacere le
    tragedie private, l’amore per la moglie, la vicinanza con il vescovo Elia Dalla
    Costa. E, durante la guerra, quei documenti nascosti nella bici durante gli
    allenamenti che servirono a salvare 
    molte vite. Il libro – illustrato con la solita grazia da Angelo Ruta –
    racconta una vita ma ricostruisce anche un’epoca, della società civile e dello
    sport, che sembra oggi irrimediabilmente lontana.

    L’altro
    Giusto è un gelataio italiano emigrato a Budapest in cerca di lavoro. Sono gli
    anni prima della guerra quando Francesco, che da bambino amava il gelato più di
    ogni altra cosa, emigra alla ricerca di una vita migliore. Pensa che ti ripensa
    decide che fare il gelato non è solo una merenda da bambini ma anche un mestiere
    da adulti.

    Così anche a
    Budapest c’era un gelataio che accoglieva i bambini chiedendo: “Nocciola o
    limone? Fragola o cannella? Cioccolato o crema?”. Alcuni dei bimbi rispondevano
    proprio come faceva lui da bambino: “In che ordine, non importa”. Tra loro vi è
    Peter che ama anche lui il gelato. Quando Peter cresce arriva la guerra e il
    gelataio Francesco Tirelli decide che non può stare a guardare, nasconde così
    sul retro della sua gelateria Peter Meir e la sua famiglia ma anche tanti
    altri. Una storia di nascondimento e di salvezza, e di una drammatica – eppure
    magica – festa di Hanukkah al sapore di cioccolato. A raccontare la vicenda di
    Francesco Tirelli e Peter  Meir è Tamara
    Meir, la nuora Peter. Il volume – tradotto dall’ebraico da Cesara Buonamici e
    Joshua Kalman,  edizioni Gallucci – è
    illustrato da Yael Albert i cui disegni alternano colori vivaci al grigio della
    persecuzione. 

     

    CONDIVIDI SU: