Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Manovra economica. Salvini: sanzioni Ue? L’Italia insorgerebbe

    “Vogliono sanzionarci, ma questo finirà per essere un
    danno più per la Ue che per noi. Sono dei pazzi se davvero aprono contro il
    nostro Paese la procedura d’infrazione. Insorgerebbero 60 milioni di
    italiani”. Così il ministro dell’Interni e leader della Lega, Matteo
    Salvini, in  due colloqui con Messaggero
    e Stampa. “Dovrebbero usare il buon senso, quello che hanno usato per la
    Francia e la Spagna che hanno violato la regola del 3 per cento del deficit sul
    Pil. Anche la Germania da anni è in surplus commerciale”, osserva Salvini.
    “Se l’Europa crede di poter rivivere il film del passato, quello di
    un’Italia subalterna, con governi sempre pronti a dire di sì a qualsiasi diktat
    targato Bruxelles, Berlino o Parigi, non ha capito proprio niente”.
    “Conte ha chiesto a Juncker un incontro per la prossima settimana, in cui
    spiegherà la nostra manovra economica. Anche Tria si sta sforzando di
    convincere Bruxelles che non siamo dei dissennati. Noi ce la stiamo mettendo
    tutta per evitare le sanzioni. Loro dovranno usare la ragionevolezza e non il pregiudizio”,
    osserva Salvini, secondo cui “è preferibile, ma sempre di assurdo stiamo
    parlando e finché non le vedo non concedo, la procedura sul deficit piuttosto
    che quella sul debito. Da quella sul deficit è più facile rientrare”.

     

    CONDIVIDI SU: