Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    "Non paragonate Bucha alla Shoah”: l’appello del Centro Wiesenthal-Yad Vashem

    “Le
    immagini di Bucha fanno star male, sono crimini di guerra, ma il paragone con
    la Shoah è fuori luogo. L’Ucraina non si avvicina alla Shoah e le auguro di non
    avvicinarsi mai a ciò che è stato”. Queste le parole con cui il Presidente del Centro
    Wiesenthal di Gerusalemme, Efraim Zuroff ha commentato la denuncia del
    presidente del Parlamento di Kiev Ruslan Stefanchuk che, riferendosi al recente
    massacro di civili nel sobborgo della capitale ucraina, ha parlato di un vero e
    proprio “Olocausto del nuovo millennio”.  Zuroff ha infatti ribadito che sebbene le
    immagini dell’eccidio di Bucha siano senza ombra di dubbio “un crimine di
    guerra” non possono essere paragonate a quel che fu la Shoah. “Ma come si
    fa -ha detto Zuroff – a paragonarle con la progettazione dettagliata della
    eliminazione di un popolo intero, con metodi industriali, in località
    appositamente prescelte”?

     Sempre
    riferendosi alle parole di Stefanchuck il direttore del Centro Wiesenthal di
    Gerusalemme ha proseguito: “Così non si scrive di Storia. Al fine di fare un po’
    di propaganda il paragone avrà anche avuto effetti. Ma in quanto a credibilità
    ha fallito”. Zuroff ci ha poi tenuto a sottolineare che sia la Russia che l’Ucraina
    in questo conflitto stanno facendo “un uso manipolativo della storia” specialmente
    quando utilizzano espressioni come “denazificazione dell’Ucraina” e
    “Putin nazista”.

    Così anche
    lo Yad Vashem, museo ed ente nazionale per la Memoria della Shoah a Gerusalemme,
    ha sottolineato l’appello ad astenersi “dall’abuso e dalla distorsione
    della Shoah”. Lo Yad Vashem ha più volte condannato la “retorica legata al
    nazismo che è usata da entrambe le parti”. E anche in questa occasione, alla
    luce delle dichiarazioni di Stefanchuck, il portavoce del Museo ha riaffermato la
    condanna, sottolineando lo sbaglio nella “trivializzazione e
    distorsione” di fatti storici della Shoah.

    CONDIVIDI SU: