Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Polonia: Scoperti a Łódź centinaia di oggetti ebraici sepolti nel 1939

    A Łódź, in Polonia, sono stati recentemente rinvenuti centinaia di oggetti ebraici durante i lavori di scavo per isolare le fondamenta di un caseggiato. Gli addetti ai lavori si sono imbattuti in una scatola di legno piena di oltre 400 oggetti antichi, tra cui candelabri, posate, bicchieri e altri utensili.  Si ritiene che molti degli oggetti, realizzati in vetro, metallo o argento, abbiano un valore storico e religioso. “Questo è il più grande ritrovamento ebraico del genere negli ultimi anni nell’area di Lodz”, ha detto Daria Błaszczyńska, portavoce dell’Ufficio provinciale per la protezione del patrimonio di Łódź.

     

    “Durante l’ispezione, si è ipotizzato che potrebbero esserci più artefatti; quindi, l’area di scavo sarà d’ora in poi esaminata meticolosamente. Sono più di 70 gli oggetti ritrovati, incluse Channukiot, un set da toeletta in vetro, posate e un anello” ha aggiunto Daria Błaszczyńska. Si ritiene che gli oggetti, che includono candelabri di Hanukkah e oggetti personali come boccette di profumo e un portasigarette, siano stati nascosti da una famiglia ebraica all’inizio della Seconda guerra mondiale per evitare la confisca da parte degli occupanti tedeschi.  A provare tutto ciò il fatto che alcuni degli oggetti sono stati ritrovati avvolti in giornali con scritte in polacco, yiddish e tedesco, segnati con data di ottobre 1939 visibile.  “Questi oggetti devono essere stati sepolti in fretta, probabilmente quando agli abitanti è stato ordinato di presentarsi nel ghetto”, ha detto Bartłomiej Gwóźdź, l’archeologo che ha condotto ricerche sul sito. 

    “Gli operai di Warbud stavano scavando le fondamenta della cantina per isolarla, e ad un certo punto forchette, coltelli e candelabri hanno iniziato a uscire da sotto le loro vanghe”, ha detto Gwóźdź. Il caseggiato, che si trova nel centro di Łódź vicino al Palazzo Poznański, fu costruito alla fine del XIX secolo e non aveva subito ristrutturazioni significative prima dei recenti lavori.  Sebbene non sia ancora noto chi abbia nascosto gli oggetti, si suggerisce che all’indirizzo potesse trovarsi una sinagoga specialmente perché molte tra le cose trovate sono di natura religiosa.  “La natura degli oggetti consente di presumere che il patrimonio sia stato depositato una volta, molto probabilmente all’inizio della Seconda guerra mondiale, da una persona di origine ebraica”, ha spiegato l’Ufficio provinciale per la protezione dei monumenti di Łódź. “Questa è una delle scoperte archeologiche più importanti e più grandi fatte a Łódź negli ultimi anni”, ha aggiunto.

     

    L’ufficio per la protezione del patrimonio ha informato che la comunità ebraica di Łódź è stata tempestivamente avvisata del ritrovamento. Gli oggetti sono stati messi in sicurezza e puliti.  Successivamente, saranno donati al Museo di Archeologia ed Etnografia di Łódź.

    CONDIVIDI SU: