Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Presidente Egitto: pena di morte è radicata nella nostra cultura. Non accettiamo lezioni su diritti umani

    Il
    presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi, nella conferenza stampa conclusiva
    del vertice Ue-Lega araba di Sharm el-Sheikh, ha difeso l’applicazione della
    pena di morte in Egitto sostenendo che è radicata nella cultura del paese come
    la sua abolizione è cara agli europei. “Voi parlate della pena di morte.
    Noi accettiamo quello che volete imporre ai vostri Paesi ma, dal canto nostro,
    rifiutiamo che ci imponiate misure”, ha detto Sisi. “Quando una
    persona resta vittima di un atto terroristico le famiglie mi vengono a trovare
    e mi dicono ‘vogliamo vendetta’”, “fatta dalla legge”:
    “tale è la cultura che regge questa regione”, ha aggiunto. “Se
    domandassi” ai Paesi europei “di rivedere la loro legislazione e di
    reintrodurre la pena di morte, da parte nostra sarebbe non comprendere la loro
    società, la loro evoluzione”, ha affermato Sisi. Inquadrando la questione,
    il presidente egiziano ha ricordato che l’Egitto, nel corso degli ultimi cinque
    anni, è stato vittima di “migliaia di atti terroristici” e che le
    “misure per far fronte a questo terrorismo sono
    colossali”. “Questa città dove siete ora, Sharm el-Sheikh, con un
    solo attentato terroristico si trasformerebbe in una città fantasma” per
    “tre o quattro anni” sebbene “ora accolga decine di migliaia di
    turisti”, ha notato al-Sisi.

    Il presidente egiziano ha quindi
    aggiunto: “Non accettiamo lezioni sui diritti
    umani” dall’Unione europea, perché arabi ed europei hanno “un senso
    dell’umanità, dei valori e dell’etica” diversi, quindi “rispettate i
    nostri valori e la nostra etica come noi facciamo con i vostri”. Quindi ha
    così concluso:”Abbiamo due culture diverse. La priorità dell’Europa è di
    raggiungere e mantenere il benessere per il suo popolo. La nostra priorità è
    preservare i nostri Paesi e evitare il collasso, la distruzione e la rovina,
    come accade in molti stati vicini”.

     

    CONDIVIDI SU: