Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    SHOAH: UN QUARTO EBREI UCCISI DA NAZISTI MORIRONO IN 100 GIORNI DEL 1942

    Quasi un
    quarto degli ebrei massacrati dai nazisti è stato ucciso nell’arco di un
    centinaio di giorni fra agosto e ottobre 1942. E’ quanto sostiene uno studio
    del professor Lewi Stone dell’università di Tel Aviv, pubblicato dalla rivista accademica
    Science Advances e rilanciato dai siti israeliani. Lo studio di Stone si è
    focalizzato sull’operazione Reinhard, condotta dai nazisti fra il marzo 1942 e
    il novembre 1943 per sterminare gli ebrei nei paesi occupati dalle truppe
    hitleriane. Durante l’intera operazione furono uccisi 1,7 milioni di ebrei
    polacchi internati nei lager di Treblinka, Belzec e Sobibor. Stone sostiene che
    ben 1,47 milioni di queste vittime furono massacrate nell’arco di soli tre
    mesi, con una agghiacciante media di 15mila uccisioni al giorno, che supera gli
    800mila morti in 100 giorni del genocidio del 1994 in  Ruanda. Stone è giunto alle sue conclusioni
    analizzando i dati sui treni usati nelle deportazioni, compilati nel 1980 dallo
    storico dell’Olocausto Yitzhak Arad. I registri delle uccisioni sono stati
    invece in gran parte distrutti dai nazisti. L’atroce ritmo del massacro sarebbe
    rallentato nel novembre 1942 perché si era ridotto il numero delle vittime.
    Secondo Stone la velocità con la quale è stato compiuto il massacro ha reso più
    difficile opporvi resistenza. (Cif/AdnKronos)  

    CONDIVIDI SU: