Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Siparietto musicale: Emma Marrone canta in macchina con il tassista Duca 40

    Dove la porto? È la domanda usuale che chiunque riceve quando sale su un taxi. Ma se a Roma si sale sulla vettura pubblica con la sigla Duca 40 si può anche ricevere l’inconsueta domanda: ‘vuole cantare?’ Duca 40 è infatti il famosissimo taxista romano (al secolo Emanuele Della Seta) che accende la radio e fa scegliere una canzone al cliente, con il quale poi intrattiene siparietti molto divertenti che, dopo l’autorizzazione degli interessati, finiscono su youtube. Duca 40 è così diventato un ‘personaggio’ lui stesso, ospitato in molti programmi televisivi, grazie alla simpatia con la quale riesce a far cantare gente comune, ma anche i vip che usano il suo taxi. È successo che pochi giorni fa è salita sulla sua auto Emma Marrone e il Duca le ha subito chiesto di duettare con lei. I due si sono esibiti in una versione rivisitata del brano ‘Estate’ di Bruno Martino. L’uomo, emozionato, le ha chiesto se poteva caricare il video su Internet o su YouTube. “Certo”, ha risposto Emma, sorridente. Caricato su Instagram dalla stessa artista (con relativo tag al tassista protagonista), la clip è diventata, in pochissimo tempo, virale. La performance canora con Emma si aggiunge a decine di altri siparietti musicali: dalla cliente spagnola che intona la melodia Figlio della luna, a chi si improvvisa Frank Sinatra in ‘Strangers in the Night’ o un commovente Celentano in Il tempo se ne va; e poi, quando i clienti che salgono a bordo sono due o più, lo show diventa un concerto live come gli amici che cantano e ballano calandosi nei panni dei Blues Brothers o il gruppetto di turisti stranieri che improvvisa Happy con tanto di stacchetto adattato all’abitacolo della vettura.«Lo faccio per tranquillizzare il cliente e per farlo sentire a proprio agio – racconta Duca 40 – e siccome dentro ognuno di noi c’è un artista che vuole uscire fuori, sul taxi ci si lascia andare, parecchia gente alla fine canta, balla, qualcuno preferisce recitare una poesia».


    CONDIVIDI SU: