Skip to main content

Ultimo numero Maggio-Giugno 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Terrorismo, espulsa una 44enne albanese: "Reclutava per l’ISIS"

    È stata espulsa dall’Italia, in
    quanto ritenuta pericolosa per la sicurezza dello Stato una 44enne albanese, Arta
    Kacabuni, alias Anila, condannata in primo grado per il reato di partecipazione
    ad associazione con finalità di terrorismo. 
    In Italia dal 2003, residente in provincia di Grosseto, la donna insieme
    al fratello (arrestato ed espulso all’atto della sua scarcerazione nel maggio
    2018 con provvedimento del ministro dell’Interno per motivi di sicurezza dello
    Stato) si occupava di reclutare adepti alla causa dell’ISIS. Il suo ruolo era
    emerso nell’ambito dell’indagine svolta dalla DIGOS toscana e da quella di
    Milano chiamata “Martese”, che l’1 luglio 2015 portò a 10 ordinanze
    di custodia cautelare nei confronti di altrettanti presunti estremisti
    islamici, in relazione alla loro documentata adesione allo Stato Islamico.  In particolare Kacabuni aveva contribuito al
    percorso di radicalizzazione e instradamento verso la Siria di Maria Giulia
    Sergio, islamizzata con il nome “Fatima”, tutt’ora presente in
    quell’area geografica dove si è recata nel settembre 2014 insieme al marito,
    l’albanese Aldo Kobuzi, per unirsi alle milizie dell’ISIS. Le indagini
    accertarono anche il suo attivismo nel convincere altre donne appartenenti
    all’éntourage familiare a raggiungere i propri congiunti già presenti in
    territorio siriano nonché la sua piena approvazione degli attentati compiuti a
    Parigi nel novembre 2015.  Condannata dal
    Tribunale di Milano, l’albanese è stata rimessa in libertà ieri 16 ottobre ed
    espulsa dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino in esecuzione del decreto
    emesso dal Ministro dell’Interno per motivi di sicurezza dello Stato.  Con questo rimpatrio, riferisce il Viminale,
    sono 341 le espulsioni eseguite dal gennaio 2015 ad oggi, di cui 104 nel
    2018. 
     

    CONDIVIDI SU: