Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Tunisia: inizia pellegrinaggio ebraico a Djerba. Premier: ‘noi esempio libertà religione’

    “La
    Tunisia è un modello di convivenza, di libertà di credo, di valori e di
    moderazione e tolleranza, di rispetto delle specificità culturali e di civiltà e
    di rigetto degli appelli al takfir (anatema) e all’incitamento  all’odio”. Lo ha detto il premier
    tunisino, Youssef Chahed, all’isola di Djerba aprendo una conferenza intitolata
    “Coesistenza pacifica delle religioni” nel giorno di apertura ufficiale
    del tradizionale pellegrinaggio degli ebrei nell’antica sinagoga di Ghriba,in
    programma anche domani in occasione della festa di Lag Baomer. Per la prima
    volta dopo 32 anni le festività legate al pellegrinaggio ebraico corrispondono
    al periodo del Ramadan, come a simboleggiare la tolleranza e la convivenza pacifica
    tra  le diverse comunità religiose
    dell’isola di Djerba, ha sottolineato il ministro del Turismo tunisino René
    Trabelsi. Sono attesi a Djerba tra i 7000 e gli 8000 visitatori,  provenienti da tutti i paesi del mondo, una
    cifra che si avvicina a quella del 2010, anno di riferimento per il turismo tunisino,
    prima della rivoluzione. A Djerba tra gli altri, il ministro tunisino degli
    Affari Culturali, Mohamed Zine El Abidine, degli Affari religiosi, Ahmed
    Adhoum, e l’ambasciatore degli Stati Uniti in Tunisia, Donald Blome. Tra gli
    eventi previsti, anche un iftar collettivo, (ovvero la rottura del digiuno
    quotidiano nel mese musulmano di ramadan). 

    CONDIVIDI SU: