Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Turchia: ritrovati i corpi del leader della comunità ebraica di Antakya e di sua moglie

    Era
    scomparso assieme a sua moglie da giorni sotto le macerie della città turca di
    Antakya, distrutta dal terremoto. I corpi del leader della piccola comunità
    ebraica locale Saul Cenudioglu e di sua moglie Fortuna sono stati trovati e
    recuperati dai soccorritori israeliani. Lo ha dichiarato l’organizzazione di
    soccorso ZAKA. La comunità ebraica di Antakya contava soltanto una dozzina di
    anziani.

    Questa
    operazione rientra nel programma di aiuti dello Stato d’Israele che in queste
    ore sta supportando le varie squadre di soccorso impegnate a trovare persone
    intrappolate tra le macerie e sotto agli edifici distrutti dopo i devastanti terremoti
    che hanno colpito Turchia e Siria.

    “Dopo
    tre giorni di sforzi e tentativi compiuti attraverso percorsi complessi, una
    squadra di soccorso speciale composta da soldati del comando del fronte interno
    [IDF] e volontari di ZAKA è arrivata ad Antakya, in Turchia, la scorsa
    notte”, si legge nella dichiarazione di ZAKA.

    I
    soccorritori si sono diretti verso l’edificio in cui vivevano i coniugi
    Cenudioglu e si sono messi al lavoro di ricerca “per molte ore e in
    condizioni difficili”, ha detto ZAKA. “Purtroppo le persone
    intrappolate sono state trovate senza vita”.

    “In
    questa fase, i volontari della delegazione israeliana in Turchia continuano i
    loro sforzi per individuare segni di vita e salvare più civili dalle
    rovine”, afferma la dichiarazione.

    Martedì, un
    rabbino di spicco della comunità ebraica turca, Mendel Chitrik, ha affermato
    che la sinagoga locale di Antakya “non è in buone condizioni, ma non è stata
    completamente distrutta. Ci sono crepe e ingenti danni” ha detto.

    CONDIVIDI SU: