Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Un figlio della Shoah riscopre la casa di sua madre a Cracovia

    Max Friedman, un israeliano che è riuscito a rintracciare l’indirizzo della casa di sua madre a Cracovia durante la guerra, ha scoperto che la proprietà, che si trova a via Jozefa 12, è diventata una tappa obbligata delle visite guidate legate alla Shoah. Questo perché il cortile di quel palazzo venne utilizzato da Spielberg per una delle scene del film “Schindler’s List”.

     

    Il cortile della casa Jozefa 12 è stato definito “il cortile più bello di Kazimierz”, lo storico quartiere ebraico di Cracovia. L’edificio di Kazimierz fu costruito nel 1802 come locanda a due piani con cortile interno. La madre di Max Friedman e la sua famiglia si trasferirono nella palazzina nel 1919. Sua madre e sua sorella furono deportate ad Auschwitz nella seconda metà del 1944 e successivamente a Bergen-Belsen.

     

    Nel film, vincitore di un premio Oscar, il cortile si vede durante la scena dei rastrellamenti, dove un giovane nasconde una bambina e sua madre in una nicchia sotto le scale.

     

    Friedman si trovava a Cracovia per trovare più informazioni sulla storia della famiglia di sua madre prima della Shoah. Subito dopo questa scoperta, ha condiviso la sua storia durante la campagna sui social media lanciata dalla World Jewish Restitution Organization (WJRO) in occasione del 27 gennaio. L’iniziativa invitava i sopravvissuti alla Shoah e le loro famiglie a condividere storie sulle case in cui vivevano prima della guerra con lo scopo di aumentare la consapevolezza sulla questione delle proprietà ebraiche saccheggiate durante il secondo conflitto mondiale.

     

    “Quando abbiamo visitato l’edificio, ho appreso che dopo il film la casa è diventata una tappa obbligatorie dei tour legati alla storia della Shoah a Cracovia e dintorni. Non ho potuto trattenermi, mi sono seduto sui gradini della casa e ho guardato “Schindler’s List” di nuovo sul mio laptop” ha raccontato Friedman a Ynet. “È stato un momento molto commovente per me” ha sottolineato.

     

    “Ho trovato qualcosa che per me fosse un simbolo tangibile del passato della mia famiglia durante la Shoah. Le storie di mia madre su Josef Mengele e la rampa di Auschwitz mi hanno profondamente influenzato. – ha proseguito – Questa è l’unica casa che mia madre ha conosciuto durante la sua infanzia ed è diventata, in qualche modo, un posto che potrei chiamare casa.”

     

    Mark Weitzman, Chief Operating Officer di WJRO, ha spiegato al sito di notizie israeliano che “#MyPropertyStory è una campagna di social media unica nel suo genere”.  “I sopravvissuti e le loro famiglie condividono i ricordi delle vite che hanno perso. Dietro ogni oggetto rubato e ogni casa c’è una storia. Questo è un legame e una connessione con la storia delle famiglie e delle comunità ebraiche che furono distrutte durante la Shoah” ha concluso.

    CONDIVIDI SU: