Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    USA, ESPULSO IN GERMANIA EX GUARDIANO LAGER NAZISTA

    Gli Stati
    Uniti hanno espulso, trasferendolo in Germania, Jakiw Palij, ex guardiano del
    campo di concentramento nazista di Trawniki. “Attraverso estesi negoziati,
    il presidente Trump e il suo team hanno assicurato il trasferimento di Palij in
    Germania portando avanti gli sforzi collaborativi degli Stati Uniti con un alleato
    europeo chiave”, ha annunciato la Casa Bianca. “Gli Stati Uniti non
    intendono tollerare chi ha favorito i crimini nazisti e altre violazioni dei
    diritti umani, che non troveranno asilo sicuro sul suolo americano”,
    precisa il comunicato. Nato 95 anni fa in quella che oggi è Ucraina, Palij era
    emigrato negli Stati Uniti nel 1949 dopo aver nascosto il suo passato nazista.
    Nel 1957 ha ottenuto la cittadinanza americana e per oltre cinquant’anni ha
    vissuto a New York, nell’area del Queens. Nell’agosto 2003 un tribunale di New
    York gli ha revocato la cittadinanza dopo la scoperta del suo ruolo a Trawniki,
    un lager in Polonia orientale dove in solo giorno del 1943 vennero trucidati
    6mila ebrei. Nel 2004 venne ordinata la sua espulsione e traferimento coatto in
    Germania, Polonia oppure Ucraina, ma nessuno di questi paesi lo aveva voluto. Il
    trasferimento in Germania è giunto dopo forti pressioni del Congresso e di
    gruppi ebraici perché a Palij non fosse permesso di morire sul suolo americano,
    come è già successo prima di lui a nove collaboratori di nazisti per i quali
    l’ordine di trasferimento non è stato portato a compimento a causa
    dell’opposizione dei paesi che avrebbero dovuto accoglierli. 

    CONDIVIDI SU: