Skip to main content

Scarico l’ultimo numero

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Usa. Un centro commerciale per bambini autistici, l’iniziativa dei Chabad

    Una coppia Chabad nel New Jersey ha costruito un villaggio inclusivo per bambini con autismo. Una versione di centro commerciale gestito da molti volontari per aiutare i bambini e i giovani adulti a responsabilizzarsi e gestire le proprie commissioni quotidiane. Una terapia occupazionale e sensoriale che è stata costruita nel 2016 e da poco resa attiva.

     Il villaggio chiamato LifeTown Shoppes ospita 15 vetrine tra cui: una banca, un negozio di abbigliamento, un centro benessere, uno studio medico, un supermercato e un negozio di animali. Una guardia del traffico controlla il passaggio pedonale che è diviso in due da una pianta e una striscia alberata. Dopo una giornata di commissioni, i visitatori possono concedersi una manicure o uno spettacolo a teatro. All’arrivo i visitatori ritirano 12 dollari dalla banca e decidono come spenderli: sia per spuntini, biglietti per il teatro o altro. Si muovono a piedi o con i tricicli, ma devono obbedire ai segnali stradali o rischiano di prendere una multa.

     Il centro commerciale è la parte più innovativa di un progetto più ampio creato dal rabbino Zalman e Toba Grossbaum, emissari del movimento chabad chassidico che hanno istituito il centro per espandere il loro lavoro per i bambini con bisogni speciali, oltre la comunità ebraica.

    “Abbiamo capito che c’era un bisogno nella nostra comunità”, ha dichiarato Zalman Grossbaum, CEO di LifeTown. I Grossbaums hanno vissuto per tanti anni a Livingston, un ricco sobborgo del North Jersey di circa 30.000 residenti con una grande popolazione ebraica. Inizialmente hanno trascorso gran parte del loro tempo a ospitare pasti di Shabbat e programmi di apprendimento ebraico nel tentativo di coinvolgere gli ebrei. La coppia si è trovata rapidamente a soddisfare una serie di persone con bisogni speciali. Secondo il Center for Disease Control, il New Jersey ha il più alto tasso di autismo nel paese.

    Nel 2000, la coppia ha avviato una filiale locale del Circolo dell’Amicizia, un’iniziativa internazionale di Chabad che gestisce programmi per bambini con bisogni speciali. Ma quello sforzo era rivolto esclusivamente ai bambini ebrei. “Una delle cose di cui ci siamo sempre sentiti in colpa è l’abbandono di altre famiglie”, ha detto Grossbaum.“Non abbiamo potuto rispondere perché non avevamo i mezzi per rispondere a loro, quindi abbiamo sempre sentito che dovevamo fare qualcosa per includere l’intera comunità”.

    I Grossbaums hanno finanziato il centro con donazioni private insieme al sostegno di fondazioni e aziende locali. Vengono offerti anche corsi di cucina e servizi religiosi come la preparazione delle Challot. È presente anche una replica del Kotel dove i visitatori possono recitare preghiere scritte. Ma il centro commerciale interattivo è aperto a scuole e visitatori indipendentemente dalla religione. “Questo mi dà tanta gioia nel vedere la comunità nel suo insieme. La comunità più grande può trarre beneficio e venire in un posto che è molto chiaramente ebreo e sanno che siamo lì ad aiutare”, ha detto Grossbaum.

    Laura Schreibman, esperta di autismo e professore emerito di psicologia all’Università della California, ha affermato che un ambiente come LifeTown Shoppes è un ottimo modo per aiutare i bambini autistici a sviluppare importanti abilità di vita, ma è importante assicurarsi che tali abilità si trasferiscano impostazioni di vita. “Una volta che i bambini saranno in grado di gestire questo ambiente supervisionato, sarebbe importante generalizzare le competenze ad altri negozi”, ha scritto in una e-mail all’Agenzia telegrafica ebraica.

    CONDIVIDI SU: