Skip to main content

SPECIALE PESACH 5784

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    L’ex ostaggio Nili Margalit ha raccontato lunedì alla rivista francese Le Point che sono stati i civili palestinesi a rapirla il 7 ottobre e che questi l’hanno “venduta” a Hamas. “Hanno negoziato con Hamas per vendermi. Quando sono stati pagati, sono stata portata direttamente in un tunnel”, ha detto la donna. La quarantaduenne del Kibbutz Nir Oz è stata intervistata dalla rivista francese come parte di un più ampio tour europeo per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli israeliani rapiti ancora prigionieri dei terroristi. Descrivendo come è stata svegliata alle 6,30 del mattino dalle sirene del suo kibbutz, Margalit ha raccontato di aver ricevuto numerosi messaggi in cui avvertivano della presenza dei terroristi nel suo kibbutz. Meno di 3 ore dopo, i terroristi palestinesi hanno dato fuoco alla sua casa e l’hanno trascinata fuori dalla sua camera bunker. “Hanno fatto esplodere tutto, messo a soqquadro la casa e dato alle fiamme tutto intorno a loro”, ha detto nell’intervista.
    Dopo aver spiegato la dinamica del rapimento, Margalit ha descritto come è stata portata a Gaza, avvolta in un lenzuolo bianco. La donna ha poi raccontato che i civili palestinesi erano al seguito dei terroristi e anche loro imbracciavano fucili Kalashnikov. Dopo essere arrivata al confine, Margalit ha detto di essere stata trasferita in un’auto e portata a Khan Yunis, dove è stata venduta a Hamas. Una folla di civili accompagnava le automobili acclamando i terroristi e rapitori in estasi. Una volta nelle mani di Hamas, Margalit è stata portata in una “sala di ricevimento” in un tunnel, dove ha detto di aver visto altri 30 ostaggi- alcuni anche da Nir Oz. Molti degli uomini israeliani avevano la faccia gonfia e le gambe ferite per essere stati trascinati in moto, ha ricordato la donna. Successivamente, Margalit ha informato i suoi rapitori che era un’infermiera del pronto soccorso. “Aiutare era il mio modo di sopravvivere”, ha detto.
    Così è stata poi trasportata in un dormitorio per dieci ostaggi, dove ha detto di essere stata nutrita solo con pane e riso. “C’erano persone che urlavano, piangevano, ridevano, è normale quando metti dieci esseri umani nella stessa stanza. – ha ricordato – Ma ci siamo sempre sostenuti a vicenda”.

    ISRAELE

    I civili palestinesi hanno 'negoziato con Hamas per vendermi': il racconto dell’ex ostaggio

    Di Michelle Zarfati

    L'ex ostaggio Nili Margalit ha raccontato lunedì alla rivista francese Le Point che sono stati i civili palestinesi a rapirla il 7 ottobre e che questi l'hanno “venduta” a Hamas. “Hanno negoziato con Hamas per vendermi. Quando sono stati pagati, sono stata portata direttamente in un tunnel", ha detto la donna. La quarantaduenne del Kibbutz Nir Oz è stata intervistata…

    ISRAELE

    Un blocco politico

    Di Ugo Volli

    Il ritiro delle grandi unità Ha fatto molta impressione in Israele la notizia che proprio in concomitanza con l’anniversario del sesto mese dal 7 ottobre, le forze armate israeliane avessero finito di ritirare anche dalla parte meridionale di Gaza e specificamente da Khan Yunis le maggiori unità dell’esercito: la conclusione di un ritiro progressivo, iniziato ormai più di un mese…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Oltre il senso di inadeguatezza

    Di Ester Pavoncello

    La sindrome dell'impostore, come descritto dalle psicologhe americane Pauline Clance e Suzanne Imes nel 1978, è una condizione psicologica che induce a credere di non meritare i successi ottenuti. Chi ne soffre è convinto di aver raggiunto determinati traguardi, per pura casualità o per errore. È una percezione di inadeguatezza che viene sperimentata in ambito professionale e in ogni altro…

    ISRAELE

    Successo per la docu-serie di Netflix ‘Testament: La Storia di Mosè'

    Di Michelle Zarfati

    Ogni Pesach, gli ebrei di tutto il mondo si ritrovano spesso a guardare il film del 1956 di Cecil B. DeMille "I Dieci Comandamenti". Quest’anno, Netflix propone una nuova versione della famosissima storia di Mosè dal titolo: “Testament: La Storia di Mosè”, un docudrama che racconta l’Esodo del popolo ebraico. Interpretata dall’attore ebreo Avi Azulay e diretta da Benjamin Ross,…

    ISRAELE

    Ricerca israeliana, l’intelligenza artificiale per decifrare antichi testi in ebraico e aramaico

    Di Jacqueline Sermoneta

    Misteriosi manoscritti antichi, iscrizioni e tavolette incomprensibili. Ogni anno vengono scoperti numerosi reperti, che costituiscono una fonte essenziale di informazioni sulla storia del Vicino Oriente. Purtroppo, quando sono troppo danneggiati, risultano però illeggibili. Per gli esperti e gli epigrafisti, che utilizzano procedure manuali, decifrarli diventa una sfida lunga e laboriosa. Un team di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria del Software…

    IDEE - PENSIERO EBRAICO

    Ramadan e Kippur

    Di Rav Riccardo Di Segni

    Sono questi giorni importanti di festa per il mondo islamico alla fine del Ramadan e a chi li celebra auguriamo di passarli in gioia e serenità. In alcune strutture scolastiche italiane “di ogni ordine e grado” è stato deciso di concedere una vacanza per l’occasione e, malgrado le polemiche, se questa è una misura di attenzione e cortesia per una…

    ISRAELE

    “La mia vita non è più la stessa”. Intervista al padre di Tamir, rapito scalzo e senza occhiali

    Di Olga Flori

    Tamir Nimrodi è un ragazzo di 19 anni. Ama la storia e vive all’insegna di valori puri e idealisti. Il 7 ottobre è stato rapito dai miliziani di Hamas mentre prestava servizio volontario come educatore nella base che si occupa dell’Amministrazione per il Coordinamento e il Collegamento a Gaza (COGAT). È stato rapito senza occhiali e senza scarpe. Da quel…

    Cultura

    Tatami, il film dove lo sport urla per la libertà

    Di Nicola Roumeliotis

    Leila è una judoka iraniana allenata da Maryam, con il sogno di vincere la medaglia d’oro ai Campionati Mondiali di Judo. Tuttavia, la Repubblica Islamica dell’Iran ordina a Leila di fingere di aver subito un infortunio e di ritirarsi dalla gara nel momento in cui deve affrontare un’atleta israeliana. Ne nasce un thriller politico molto intenso. “Tatami” è il luogo…

    ITALIA

    Presentato al Cinema Farnese #Nova, il docufilm sulla strage del 7 ottobre

    Di Luca Spizzichino

    È stato presentato ieri sera al cinema Farnese di Roma #Nova, il docufilm sull'attacco di Hamas del 7 ottobre, realizzato con le immagini dei telefonini durante i terribili momenti al festival di Re'im. Alla presentazione dell'anteprima italiana, organizzata dalla Comunità Ebraica di Roma e dalla Jerusalem Foundation, hanno partecipato anche le famiglie degli ostaggi nelle mani dei terroristi ormai da…

    ISRAELE

    C-Dome: il nuovo sistema di difesa della Marina israeliana

    Di Michelle Zarfati

    Il nuovo sistema di difesa navale israeliano, il C-Dome, ha fatto il suo primo battesimo di fuoco nella notte di lunedì, dopo aver intercettato un drone entrato nello spazio aereo israeliano da est, vicino all'area di Eilat, nel sud di Israele. Il C-Dome è la versione navale del famoso sistema di difesa missilistico Iron Dome e sarà installato sulle corvette…