Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Alla Presidente Ruth Dureghello il premio Guido Carli

    “Un grande presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna, mi disse che Ruth Dureghello fosse «tosta, aperta e leale». È vero, ma poi ho scoperto che è anche piena di umanità, coerente nell’impegno e con una straordinaria capacità di lavoro. Voce libera, forte e coraggiosa che va dritta al cuore dei problemi, con la schiettezza che la contraddistingue”.

    Queste le parole con cui Giampiero Massolo, presidente dell’Istituto Studi Politica Internazionale – ISPI, ha conferito il premio Guido Carli a Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica romana. Un titolo prestigioso, giunto alla tredicesima edizione. Quest’anno la cerimonia è stata organizzata nella sala Petrassi dell’Auditorium Parco della musica; presieduta da Romana Liuzzo, Presidente della Fondazione Guido Carli e moderata da Gianni Letta, la premiazione ha conferito il riconoscimento a tredici personalità italiane di spicco di diversi settori, dallo sport allo spettacolo, dalla politica al mondo dell’impresa. 

    Emozionata e soddisfatta per aver portato il nome degli ebrei romani sul tetto d’Italia, Dureghello si è definita commossa e ha ringraziato i giurati per il riconoscimento che l’ha inorgoglita in quanto donna, madre e presidente della Comunità ebraica più antica d’Europa. 

    “Una comunità che rappresento con umiltà, attraverso i valori, le tradizioni e la cultura che ha portato nel nostro paese e che vuole continuare a portare. Con la forza e il coraggio di tutto quello che vogliamo continuare a essere nella realtà del nostro paese: ebrei attivi, vivaci, reattivi e presidio contro ogni discriminazione che voglia infondere incertezza nella democrazia che abbiamo contribuito a costruire – ha spiegato la Dureghello, per poi dedicare premio ad una persona speciale – Dedico questo premio a Sami Modiano, che non ha bisogno di essere raccontato, ma che invece ha fatto del racconto e della sua esperienza un insegnamento per tanti giovani di questo Paese. Ha saputo trasformare l’odio e le ferite ancora impresse nella sua anima in un messaggio di pace e speranza, riuscendo ad infondere fiducia in tutti noi che ci sia sempre qualcosa per cui vale la pena combattere e sacrificarsi”.

    La catenina con la stella di David che pende dal collo, gli insegnamenti di un padre che le ha sempre ricordato di non dimenticare mai le origini, il proprio popolo e la sua storia. Ruth Dureghello è stata premiata per il suo coraggio, senso e rispetto delle istituzioni, e per il suo sguardo orientato al futuro ma sempre attento e vigile al passato.

    CONDIVIDI SU: