Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    Il presidente della Knesset Ohana visita il Tempio Maggiore di Roma e incontra la famiglia di Stefano Gaj Tachè

    Il presidente della Knesset Amir Ohana ha visitato ieri il Tempio Maggiore di Roma e ha incontrato alcuni esponenti della Comunità Ebraica. Durante la visita Ohana ha incontrato i genitori e il fratello di Stefano Gaj Tachè, il bambino ucciso dai terroristi palestinesi nell’attentato del 9 ottobre ’82.

     

    Il Presidente della Knesset, è stato accolto con grande entusiasmo all’interno di un luogo simbolo della storia della Comunità Ebraica di Roma. “Ho scelto di aprire la mia visita ufficiale a Roma in questa imponente e antica sinagoga, con il desiderio di esprimere impegno nei confronti dei valori e della tradizione che ci contraddistinguono come popolo e ci uniscono ovunque ci troviamo nel mondo – a Roma come a Gerusalemme “. Ha detto il Presidente nel corso della visita.

    Ohana ha sottolineato inoltre ai presenti di essere consapevole delle numerose sfide affrontate dalle organizzazioni e comunità ebraiche nella diaspora in questi giorni, con particolare attenzione a quelle che dimostrano la loro simpatia, l’impegno e l’identificazione con lo Stato di Israele in modo aperto e significativo. “Non c’è dubbio che stiamo assistendo ad un significativo passo avanti nei tentativi di danneggiare lo Stato di Israele, l’unico stato del popolo ebraico – ha detto Ohana – dal terrorismo agli attacchi del nuovo antisemitismo diretti contro lo Stato ebraico e i suoi valori. Tuttavia, questi tentativi non avranno successo, Israele vive”.

     

    Un momento importante della visita è stato l’incontro del Presidente della Knesset con i genitori e il fratello di Stefano Gaj Tachè, il bambino ucciso nell’attacco terroristico alla Sinagoga 40 anni fa. Ohana, che si è unito a Joseph, Daniela e Gady davanti alla targa commemorativa posta nel cortile della sinagoga per ricordare il tragico evento, ha detto che “anche dopo tanti anni la ferita è ancora aperta e sanguinante”.

    CONDIVIDI SU: