Skip to main content

Ultimo numero Marzo-Aprile 2024

Scarica il Lunario 5784

Contatti

Lungotevere Raffaello Sanzio 14

00153 Roma

Tel. 0687450205

redazione@shalom.it

Le condizioni per l’utilizzo di testi, foto e illustrazioni coperti da copyright sono concordate con i detentori prima della pubblicazione. Qualora non fosse stato possibile, Shalom si dichiara disposta a riconoscerne il giusto compenso.
Abbonati

    La Fondazione Museo della Shoah tra Memoria e impegno

    Si è svolta ieri mercoledì 24 maggio 2023, presso la Casina dei Vallati, l’iniziativa “Tra Memoria e Impegno: La Fondazione Museo della Shoah si racconta” organizzata dalla Fondazione per presentare il Bilancio Sociale 2022.

     

    L’evento ha visto la partecipazione di molte personalità del mondo ebraico, della politica e della cultura, tra cui il Presidente della Fondazione Museo della Shoah Mario Venezia, il Ministro della Giustizia Carlo Nordio, il Ministro per lo Sport e i giovani Andrea Abodi, la Presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, la Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, la regista e sceneggiatrice Silvia Scola, in un incontro moderato dall’attivista per i diritti umani Claudia Conte.

    Durante la presentazione sono stati messi in evidenza alcuni dati significativi del bilancio sociale del 2022, relativi agli eventi e le attività organizzate dalla Fondazione, come le mostre, i convegni, le presentazioni di libri, il cineforum e la produzione di documentari. Come si evince dal bilancio nel 2022 sono stati riscontrati importanti segnali: dall’esponenziale aumento dei visitatori delle mostre in corso alla Casina dei Vallati, che ha raggiunto quota 55.000 presenze, fino al numero di studenti che hanno partecipato online all’incontro con Sami Modiano che ha sfiorato i 150.000 collegamenti.

    Come ha sottolineato il Presidente della Fondazione Museo della Shoah, Mario Venezia: – “La nostra sfida quotidiana è quella di mantenere alti livelli di servizio, migliorando la qualità formativa dei nostri utenti e promuovendo una strategia di condivisione, attenta allo sviluppo di collaborazioni sostenibili, sia da un punto di vista economico che sociale. Lo scopo principale del nostro agire quotidiano è soddisfare i bisogni cognitivi e relazionali dei visitatori, degli studenti e dei loro insegnanti, trasmettendo il patrimonio storico-culturale per il cui accrescimento e cura lavoriamo sodo ogni giorno”.

    CONDIVIDI SU: